Vai al contenuto

Mondo Poker: WSOP verso lo stop Coronavirus? La scommessa di Polk. Il boom del gioco online (grazie alle donne)

WSOP 2020, tra certezze e paure

La rubrica Mondo Poker inizia dalle WSOP e dal Coronavirus. Solo pochi giorni fa a Las Vegas è stato ufficializzato il programma completo delle World Series Of Poker. Ma il Coronavirus inizia a far paura anche dall’altra parte dell’oceano e aumentano le voci di una possibile cancellazione o rinvio della 51° edizione. Il rischio di un contagio fra giocatori sarebbe alto, se allo start della kermesse il ritmo dell’epidemia fosse ancora sui livelli odierni. C’è molto timore insomma, anche se dal quartier generale delle WSOP si limitano per il momento ad osservare la situazione.

Doug Polk alle ultime WSOP (Pokernews & Katerina Lukina)

Fra coloro che hanno ipotizzato una clamorosa cancellazione della kermesse, troviamo Doug Polk. Il noto player e streamer americano è convinto che l’emergenza Coronavirus porterà allo stop delle WSOP 2020. E banca così il rinvio della manifestazione con una quota davvero interessante: 20 a 1. Polk tramite il suo seguitissimo account twitter si dice preoccupato dall’evolversi dell’epidemia e non crede che la situazione possa migliorare in tempi brevi.

Per questo motivo non solo banca la cancellazione delle WSOP, ma si dice pronto a raccogliere scommesse su questa opzione. Sulla stessa lunghezza d’onda di Polk, c’è anche Mike McDonald. Il Canadese addirittura banca il rinvio della kermesse a Las Vegas con una quota ancor più bassa del collega: 12:1 . Sul fronte opposto invece troviamo Matt Glantz . Per quest’ultimo il Coronavirus non dovrebbe portare alla cancellazione delle WSOP, almeno nell’immediato. L’americano banca 25 a 1 la non cancellazione delle WSOP 2020 nei prossimi 30 giorni. Pareri contrastanti quindi e solo il tempo ci dirà chi ha ragione e chi no.

Donne al potere

La rubrica Mondo Poker sposta il suo sguardo sul settore del gioco online. Secondo un recente studio tra il 2020 e il 2025 ci sarà un vero boom del gioco online. Si parla di una crescita esponenziale che tradotta in cifre, porterebbe il valore del settore a 87,75 miliardi di dollari. Insomma un boom vero e proprio. Se da una parte questo sarà possibile grazie alle nuove tecnologie, dall’altra il crescente numero della componente femminile avrà un peso importante.

Maria Ho
Mario Ho, giocatrice e molto impegnata nell’abito del gioco al femminile

In un’altra ricerca stilata poche settimane fa da 888Holding, le donne si dichiaravano propense al gioco per un buon 80%. Ma di queste, un 48% si era detto poco attratto dai casinò terrestri. Infatti, secondo il campione di donne intervistate la maggior parte delle case da gioco sono ambienti ostili e intimidatori per il gentil sesso, con la parte maschile a dominare la situazione.

Attraverso il gioco online dunque, le donne potrebbero aver maggior confidenza con il gioco stesso e avere una percezione meno negativa del settore. La sfida per gli operatori è quella di coltivare l’interesse crescente delle donne per i giochi dissipando alcuni stereotipi sul settore. In pratica, l’evoluzione della tecnologia online aiuterà.

Bonus poker online
Scopri tutti i bonus di benvenuto

Quanti big a Los Angeles

La rubrica Mondo Poker si chiude con il WPT Los Angeles. Una delle tappa più importanti e storiche del circuito, quella che si gioca al Commerce Casinò. E la partenza conferma queste parole. In 461 hanno risposto presente all’appello sulla costa Ovest degli Stati Uniti e in 271 varcano la soglia del day 2. Non sono dati definitivi, in quanto la late registration chiuderà solo nel corso della seconda giornata. Il dato quindi può solo migliorare e si annuncia una grande battaglia al Commerce.

Demo Kiriopoulos guida la truppa con 255.600 chips, dopo aver chiuso al quinto posto la scorsa settimana al WPT Niagara, tappa vinta dal giocatore di origini greche due stagioni fa. Ma in generale è un super field quello che si affaccia al day 2. Jordan Cristos occupa la seconda piazza con 210.300 unità, per una sfida tutta ellenica al comando del count.

Matt Affleck

A ridosso dei migliori 10, troviamo poi Matas Cimbolas (163.000), Matt Giannetti (151.300), Matt Affleck (143.700), il sei volte campione WSOP Ted Forrest (135.200), Kevin MacPhee (123.000), Anton Wigg (120.000), il fresco tre volte campione WPT Eric Afriat (111.000), Chance Kornuth (95.600) e molti altri ad occupare le posizioni nelle retrovie

Nel mondo del giornalismo sportivo da quando avevo 16 anni, ho all'attivo quasi 800 radiocronache di eventi sportivi e quasi 10 mila articoli sportivi. Da 15 anni nel mondo del poker, del betting e del gaming. Cavallo di battaglia: "Amici Miei".