GIOCARE PUÒ CAUSARE DIPENDENZA PATOLOGICA IL GIOCO È VIETATO AI MINORI DI 18 ANNI

Informati sulle probabilità di vincita e sul regolamento di gioco
sul sito www.aams.gov.it

News

Poker live: interrotto home game a Messina con €4.500 sul tavolo, i Carabinieri fermano 11 gamblers

Scritto da
06/12/2017 16:03

3.417


Un vero e proprio blitz notturno hanno compiuto i Carabinieri di Messina in una casa in pieno centro cittadino, sorprendendo 11 persone ai tavoli da gioco. I militari hanno scoperto una vera e propria bisca, interrompendo, molto probabilmente una partita di poker, visto che durante l’irruzione sono stati sequestrati ben 33 mazzi di carte da poker più 4.500€ cash trovati sui tavoli secondo una ricostruzione della Gazzetta del Sud.

La foto pubblicata dalla Gazzetta del Sud con una parte del materiale sequestrato

Naturalmente sono stati posti i sigilli all’appartamento ed i Carabinieri hanno identificato 11 extracomunitari di origine cingalese.

Come noto la mancanza regolamentazione del poker live nel nostro paese è una delle cause principali di questa situazione di anarchia totale nella quale vive il movimento da più di 10 anni. E il mancato riconoscimento dei circoli senza dubbio favorisce l’offerta illegale. Se vi fossero dei club legali e riconosciuti dove potersi andare a divertire, in ambienti regolamentati, con eventi low buy-in, molto probabilmente le bische avrebbero meno possibilità di proliferare.

Nel 2008 è stata approvata una legge ad hoc che consentiva la regolamentazione del poker a torneo dal vivo al di fuori dei casinò, ma il regolamento attuativo non è mai stato pubblicato dai Monopoli di Stato.

Per questo motivo, sono ancora attivi sul territorio circa 300 circoli (4 anni fa avevamo fatto un’inchiesta certificando l’esistenza di più di 500 sale) che vivono in questa situazione di deregulation, con l’avvallo della giurisprudenza della Corte di Cassazione che però riconosce la liceità dell’attività solo con il verificarsi di determinate condizioni (low buy-in, divieto di rebuy etc).

A maggio era stato presentato un emendamento dall’onorevole Abrigani che mirava ad una nuova regolamentazione del settore, ma il Governo ha ignorato tale iniziativa di fatto mantenendo questo stato di anarchia nel poker live italiano.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento