Vai al contenuto

“Da dove viene la tua ricchezza?” Doug Polk provoca Dan Bilzerian [Il Podcast]

Un fine d’anno col botto. Dan Bilzerian, lo sappiamo, è uno dei personaggi più controversi e più invidiati del mondo del poker, più per il suo lifestyle (dovuto ad una ricchezza patrimoniale infinita) che non per i propri successi al tavolo verde.

Ed è proprio stato questo l’argomento affrontato da Doug Polk, ovvero il “da dove vengano tutti quei soldi“, quando tre giorni or sono ha avuto ospite nel suo podcast proprio Dan Bilzerian.

Da dove viene la ricchezza di Bilzerian?

E’ una domanda, questa, che avremmo voluto fargli tutti. E Doug Polk, noto poker player e vlogger, non si è fatto sfuggire l’occasione per chiederglielo, dal momento che l’accumulo di ricchezza di Bilzerian è stato a lungo un argomento dibattuto. Bilzerian, infatti, ha sempre affermato di non aver ricevuto alcun fondo fiduciario dal padre, Paul Bilzerian. Sarebbe divenuto ricco col poker.

Versione, questa, a cui Polk dice chiaramente di non credere.

Paul Bilzerian, padre di Dan – va detto per motivi di cronaca –  è un ricco ex specialista in acquisizioni aziendali che ha trascorso del tempo in prigione negli anni ’80 per crimini finanziari. Dopo il suo rilascio, doveva al governo milioni di dollari, denaro che non è mai stato recuperato. Molti hanno ipotizzato che il denaro sia stato dato a suo figlio, anche se Dan Bilzerian nega categoricamente tali affermazioni.

Polk – Bilzerian, che scintille

Quella tra Polk e Bilzerian è stata una conversazione tutt’altro che amichevole e rilassata. Del resto, più volte Polk aveva fatto intendere già in passato che secondo lui Bilzerian aveva ottenuto la stragrande maggioranza della sua ricchezza grazie all’acquisizione di un fondo fiduciario intestatogli dal padre.

L’intervista, pertanto, si è svolta fin da subito con domande incalzanti circa la versione ufficiale di Bilzerian, ovvero “come avesse fatto i soldi col poker”, “dove avesse giocato a poker online”, “contro chi”, e via dicendo.

La versione di Bilzerian è semplice: egli infatti afferma di aver costruito il suo bankroll prima giocando online, per poi passare alle partite mid-stakes al Bellagio, da cui (a fronte di un grande successo) sarebbe passato a giocare nei tavoli privati  ​​contro dei miliardari. Polk , a questo punto, più volte chiede di dare una testimonianza circa il suo successo nel poker online, con Bilzerian che ha continuamente risposto affermando di aver guadagnato – a mò di esempio – ben $ 400.000 solo un mese fa sulla piattaforma “Bodog”.

Polk, però, non si è detto convinto e ha continuato a insistere sulla questione, facendo notare come un mese di reddito a sei cifre sia molto diverso dai milioni di dollari che Bilzerian ha accumulato in passato.

La tua versione è che stai affermando di aver fatto tutti i tuoi soldi con il poker, pertanto voglio approfondire questa storia“, ha detto Polk a Bilzerian nell’intervista. “Quando hai una storia come quella di tuo padre, persona di successo ma che ha acquisito ricchezza in modo controverso, perchè tu abbia una maggiore credibilità va dimostrata con precisione la ricchezza che sostieni di aver ottenuto tramite il poker, sia esso live od online”.

Bonus poker online
Scopri tutti i bonus di benvenuto

Bilzerian, quindi, ha affermato (piuttosto stizzito) che le partite private a cui ha preso parte erano contro   “miliardari scarsi” e che vi sarebbero stati dei testimoni del mondo del poker, come Andrew Robl, Antonio Esfandiari e Jean-Robert Bellande , talvolta  seduti anche loro a quel tipo di tavoli molto proficui, a Las Vegas e in giro per il mondo.

Polk, a quel punto, si è detto convinto che le partite con i miliardari ci saranno anche state, ma non crede decisamente che tutta questa ricchezza sia arrivata da quei tavoli, sottolineando a lungo le grandi incongruenze del racconto di Dan.

L’heads up da 100 milioni

La questione della ricchezza di Bilzerian ha occupato ben due ore di trasmissione,  ovvero praticamente tutto il tempo del collegamento tra i due poker pro, senza che nessuno riuscisse a convincere pienamente l’altro con le proprie argomentazioni. Peraltro,  la questione relativa al presunto incontro heads-up da $ 100 milioni di Bilzerian contro il miliardario Alec Gores è stata addirittura toccata solo in modo marginale.

Da ottobre, infatti, come sappiamo Bilzerian aveva annunciato la clamorosa sfida, che sarebbe divenuta la partita nettamente più ricca della storia del poker. Tuttavia, lo stesso Bilzerian, in queste settimane, sta accusato Gores di temporeggiare eccessivamente.

Del resto, se alla fine la partita si facesse e Bilzerian dovesse avere la meglio,  finalmente l’opportunità di mostrare al pubblico come si guadagni fior di milioni grazie al poker.

Puoi guardare qui il podcast in versione integrale

Editorialista, copywriter, appassionato di comunicazione, Sport, Poker, Betting e Casino. Racconto storie di calcio e aneddoti sui motori. Al fantacalcio sono più forte di te.