Gioco legale e responsabile

Online

Dopo Libratus, ecco il bot Lengpudashi: sfida da $290.000 contro un team di poker player

Lengpudashi, il poker bot evoluzione di Libratus, sfiderà dal 6 al 10 aprile un team di giocatori in carne ed ossa. Solo che stavolta ci sono in palio soldi veri: l’esibizione, infatti, mette sul piatto 290.000 dollari.

Scritto da
06/04/2017 13:00

3.902


A poco più di due mesi dal dominio di Libratus nella sfida contro l’intelligenza umana, un altro poker bot è pronto a dare battaglia: si tratta di Lengpudashi, che di Libratus è la versione se possibile ancor più potenziata.

Solo che stavolta la sfida contro un team di giocatori di poker in carne ed ossa non si baserà sul chip finte. Lengpudashi (che significa “glaciale maestro di poker”) e il Team Dragons giocheranno per un montepremi da $290.000 in modalità winner-take-all.

lengpudashi

Bot vs Uomo, la sfida si rinnova

 

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

Supera il test che misura le tue capacità al tavolo di poker e ottieni BANKROLL ILLIMITATO

 

I termini della battaglia

La sfida si giocherà dal 6 al 10 aprile ad Hainan e prevede 36.000 mani, distribuite a due alla volta a ciascuno dei giocatori umani. Il Team Dragons sarà guidato da Alan ‘Yue’ Du, che l’anno scorso vinse un torneo da $5.000 alle WSOP 2016.

CONFRONTO BONUS CASINO'

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui casinò online italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i concessionari sono mostrati a rotazione casuale.

Come detto, questa sfida è un po’ diversa da quella a cui ha partecipati il predecessore di Lengpudashi, Libratus. Lì in ballo c’erano sì $200.000, ma solo nel caso che i giocatori in carne ed ossa fossero riusciti a battere il poker bot; altrimenti, tutti a casa senza danno.

In questa esibizione, invece, se il Team Dragons non riuscirà ad avere la meglio su Lengpudashi, dovrà scucire la cifra pattuita, che come detto è di $290.000.

Lengpudashi, il dottor Sandholm mette le mani avanti

In pochi si aspettavano un dominio incontrastato di Libratus nella sfida di gennaio e dunque c’è molta attesa e curiosità nel vedere all’opera la sua versione addirittura migliorata. Ma Tuomas Sandholm, il professore di informatica della Carnegie Mellon University e co-creatore del poker bot, frena gli entusiasmi.

“Sono entusiasta di portare questa nuova tipologia di intelligenza artificiale in Cina”, ha premesso Sandholm, “Voglio esplorare nuove opportunità commerciali sia nel poker sia in altre aree di applicazione”.

Poi il monito: “Si giocheranno solo 36.000, quindi è possibile che il bot perderà. Sarà un’esibizione, non un match, una sfida o una competizione. Visto il campione di mani così basso non può essere considerato un esperimento scientifico.

Il futuro dei poker bot

Lo scorso febbraio, dopo l’exploit di Libratus, lo studente che ha aiutato il team di professori a creare il poker bot dichiarò: “Penso che per il momento il six-max sia leggermente oltre le abilità di Libratus e di intelligenze artificiali simili. Detto questo, presto partirà un progetto di ricerca proprio sul six-max e penso che nel giro di un paio d’anni Libratus potrà battere gli umani anche lì.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento