Vai al contenuto
alberto russo giada fang

Giada Fang pronta per il commento EPT Cipro: “Nik Grieco a Montecarlo il ricordo più divertente!”

L’EPT Cipro è in arrivo e da mercoledì 18 ottobre partiranno le dirette streaming con il commento in italiano di Alberto Russo e Giada Fang.

Dopo ‘grandealba’ abbiamo fatto quattro chiacchiere con Giada che non sentivamo da Barcellona. La giocatrice ci ha rivelato diversi succosi retroscena senza nascondere un filo di dispiacere per la mancata possibilità di giocare la prima tappa di sempre dell’EPT sull’isola mediterranea.

La postazione del commento

Ciao Giada, per iniziare dicci se anche a Cipro, come a Barcellona, cercherai di giocare qualche torneo.

No, in realtà non andrò a Cipro, commenterò da casa. Eravamo combattuti ma alla fine abbiamo deciso di non andare. Pesa soprattutto la logistica. Barcellona è più comoda, puoi anche andare e poi tornare prima del Main Event per streammare da casa, a Cipro invece questa possibilità non c’è.

Che postazione hai per commentare l’EPT da casa?

La stessa che uso per il grinding, due schermi belli grandi e un computer fisso bello performante. Per la diretta di Cipro curerò anche la regia quindi il pc deve reggere bene il software dedicato. Questo è un altro motivo per cui non saremo a Cipro: per la regia servirà una buona linea.

Giada in regia

Come te la cavi coi software necessari alla regia degli streaming?

Li conosco da tempo, quando ero team pro di PokerStars sono stata tra i primi a streammare su Twitch, sia poker che League Of Legends, e ti sto parlando del lontano 2014-2015. Ricordo che all’epoca streammai anche qualche Sunday Special in real time, una volta feci anche un final table in diretta, poi smisi perché mi toglieva troppo focus e anche perché potevo grindare su meno tavoli. Adesso ho scaricato un software che è più o meno simile a quello che usavo al tempo quindi spero di non aver perso la mano.

Rispetto alle dirette di un tempo qual è la cosa che più ti manca oggi?

Di sicuro il filo diretto con gli spettatori, soprattutto la chat perché in dirette così lunghe l’interazione è molto importante anche proprio per mantenere attivo il pubblico e lo streaming più dinamico. Tuttavia a Barcellona ci siamo trovati abbastanza bene anche senza la chat, penso che il feeling con Alberto è già abbastanza rodato quindi anche solo con il nostro intrattenerci a vicenda riusciamo a intrattenere il pubblico. Anche questa volta ce la caveremo ma spero che al più presto sia possibile reintrodurre la chat con il pubblico in Italia.

Scopri tutti i bonus di benvenuto

Il ricordo più divertente

Di tutti gli streaming che hai commentato con Alberto qual è il ricordo più divertente che ti è rimasto?

Fammi pensare… Il primo che mi viene in mente è un EPT Montecarlo di diversi anni fa in cui c’era Nicola Grieco al tavolo televisivo con Ryan Riess. “E smettila di fare il buffone…”, il resto è storia.

Per questo EPT Cipro chi sono gli italiani che potrebbero fare bene?

Sicuramente credo il gruppetto di Alessandro ‘Deneb93′ Pichierri, con Candido Cappiello e Fabio Peluso. Stanno andando benissimo spaccando un po’ ovunque, sono in grande rush e quindi gli auguro di continuare a portare a casa risultati, picche anche da Cipro. Poi onestamente non saprei quanti italiani andranno a Cipro che è una meta un po’ fuori dalle rotte tradizionali.

Diffondere il Verbo del Poker

Di’ la verità, quanta voglia avresti di schierarti al primo EPT di sempre nell’isola mediterranea?

Beh sicuramente da un lato mi dispiace non poter giocare un EPT nel prossimo anno e mezzo perché io in primis mi sento una giocatrice di poker, però dall’altro sono onoratissima per il fatto di commentare il circuito continentale più importante. E’ un compromesso che accetto di buon grado.

Alla fine si può dire a ragion veduta che con questi streaming contribuisci a diffondere il Verbo del Poker, no?

Di sicuro gli streaming dell’EPT sono un ottimo modo per vedere del poker a livello alto. Attualmente ci sono davvero tanti streaming di poker, anche di gente che nulla o poco c’entra con il gioco. Quelli dell’EPT possono essere anche didatticamente molto validi perché gli amatori possono vedere come giocano i veri professionsti del settore ed è sempre bello vedere i pro giocare a quei livelli, con la concentrazione lo studio e la preparazione che hanno loro. Lo trovo affascinante e istruttivo.

Dopo anni passati a scrivere di altro, in un periodo sabbatico mi sono appassionato al poker e dal 2012 è diventato il mio pane quotidiano. Intanto ho scritto un paio di libri che niente hanno a che vedere col nostro meraviglioso gioco.
MIGLIORA IL TUO POKER CON I NOSTRI CONSIGLI