Vai al contenuto
Dario Sammartino al PLO HR delle WSOP 2022 (courtesy PokerNews & Danny Maxwell)

WSOSP 2022: Speranza e Suriano day 3 importanti, Sammartino dentro al 25k PLO

Altra giornata campale, la numero 11 delle WSOP 2022 che si va concludendo sulla Strip di Las Vegas. L’Italia del poker trova linfa dai soliti alfieri, come Dario Sammartino e Gianluca Speranza. Il primo supera il day 1 nel difficile PLO HR da 25mila dollari, il secondo accede – insieme a Davide Suriano – al day 3 dell’event #16.

WSOP 2022 event #16: Foxen in testa ai 75 left, Speranza e Suriano in corsa

Come avevamo raccontato già ieri, le iscrizioni all’event #16 delle WSOP 2022 – un 3.000$ No Limit Hold’em – erano aperte fino a due ore dopo lo start del day 2. Così un manipolo di altri player hanno accettato la sfida facendo re-entry o entrando direttamente al day 2, portando il totale ufficiale degli ingressi a 1240. Tra gli iscritti al day 2 c’erano i nostri Gianluca Speranza e Mustapha Kanit. Le sorti dei nostri due top player erano però opposte: Gianluca si rendeva autore di un day 2 super, che lo vede concludere la giornata a ridosso della top 10 (12° a 985.000); Musta invece non riusciva a invertire la rotta, dopo la sfortunatissima eliminazione dall’event #14, e veniva eliminato durante il day 2.

Analogo destino per Dario De Paz, uno dei due italiani presenti già al day 1 di questo torneo. Per Davide Suriano, invece, si sono schiuse le porte sia dell’ingresso a premi che del day 3, a cui arriva con uno stack di 260mila fiches per la 67esima posizione parziale.

Questa è invece la top 10, guidata dal sempre efficace Alex Foxen:

1 Alex Foxen COLD SPRING HARBOR, NY, US 2,070,000
2 Niall Farrell Glasgow, , GB 1,610,000
3 Michael Marder Sewell, NJ, US 1,595,000
4 Stefan Lehner Salzburg, , AT 1,395,000
5 Arnaud Enselme Wimbledon, , FR 1,350,000
6 David Miscikowski SAN DIEGO, CA, US 1,315,000
7 Lander Lijo Gipuzkoa, , ES 1,175,000
8 Adrian Mateos Madrid, , ES 1,165,000
9 Tyler Hirschfeld Glen Rock, NJ, US 1,130,000
10 Toby Boas Gainesville, FL, US 1,105,000

Omaha Hi/Lo Championship: restano in 5 con Yuvee al comando

Con una sensazionale rimonta, dopo essere stato per lunghi tratti fra i più short del day 3, Yuval “Yuvee” Bronshtein si guadagna i galloni di chipleader a fine giornata nel 10.000$ Omaha Hi/Lo Championship. Il fortissimo israeliano cerca così il terzo braccialetto in carriera, ma l’impresa non sarà proprio semplicissima, guardando i quattro avversari che dovrà affrontare:

1 Yuval Bronshtein Israel 4,175,000
2 Dustin Dirksen United States 3,165,000
3 Daniel Zack United States 2,440,000
4 Ray Dehkharghani United States 1,695,000
5 Jake Liebeskind United States 295,000

Il solo Liebeskind sembra dare meno pensieri, mentre tutti gli altri hanno esperienza, talento e chips per potere ambire legittimamente a questo braccialetto. Niente da fare per Alex Livingston, infine sesto.

WSOP 2022 Event #17: ciao Scotty, Monnette ci prova

Restano in 17, tutti statunitensi, a giocarsi la vittoria nel Mixed Triple Draw Lowball, torneo da 2.500$ valido come Event #17 delle WSOP 2022. Niente da fare per Scotty Nguyen, che era riuscito a salire in chips ma è poi stato eliminato prima dello scoppio della bolla. Questa la situazione prima del final day, con Monnette, Kassela, Epstein, Streilitz, Hall e Zolotow come nomi più titolati. Monnette cerca il quinto braccialetto WSOP in carriera:

1 Bariscan Betil Philadelphia, PA, US 1,190,000
2 Jerry Wong Davie, FL, US 1,140,000
3 Andrew Brown New York, NY, US 1,010,000
4 Yehuda Buchalter FOREST HILLS, NY, US 980,000
5 Alejandro Torres Compton, CA, US 885,000
6 Domnick Sarle Long Beach, NY, US 815,000
7 Frank Kassela Chicago , IL, US 750,000
8 Matthew Schreiber Laguna Niguel, CA, US 740,000
9 John Monnette PALMDALE, CA, US 600,000
10 Alex Epstein Oakland, CA, US 475,000
11 Maury Barrett Pensacola, FL, US 450,000
12 Philip Eisman Henderson, NV, US 435,000
13 John Torrez Alexandria, VA, US 430,000
14 Daniel Strelitz TORRANCE, CA, US 425,000
15 Galen Hall New York City, NY, US 319,000
16 Steve Zolotow LAS VEGAS, NV, US 135,000
17 Ralph Perry LAS VEGAS, NV, US 80,000

WSOP 2022 Event #18: un bel freezeout da 1000, con un italiano al day 2

Il freezeout rimane la modalità di torneo più “pura” che esista, ma negli ultimi anni è stata marginalizzata da tutte le altre varie formule con re-entry e compagnia. Anche per questo fa piacere vedere un freezeout anche a basso costo. Alle WSOP 2022 era in calendario questo event #18 da 1.000 dollari, con una partecipazione che infine si è attestata sulle 2663 unità. A fine day 1 si è già abbondantemente a premio e il field si è ridotto a meno di un decimo: 203 i giocatori rimasti.

Tra questi un unico player azzurro, Giuliano Taviani, che ha chiuso la busta fra i più corti a 70mila chips, in 191esima posizione. Prima di lui c’erano stati altri 4 azzurri in grado di piazzare la classica “bandierina”, anche se poi sono stati eliminati prima di fine day. Eccoli:

296 Alessio Sabatini 1.751$
320 Fiodor Martino 1.751$
351 Roberto Alessi 1.601$

Bonus poker online
Scopri tutti i bonus di benvenuto

Questa è invece la provvisoria top 10 del torneo:

1 James Little San Francisco, CA, US 765,000
2 Lily Lotfy East Walpole, MA, US 755,000
3 Thomas Stocker Las Vegas, NV, US 720,000
4 Paul Lee Mission Viejo, CA, US 695,000
5 Jordan Griff Schaumburg, IL, US 690,000
6 Dustin Cullimore Onl Signup-No City, UT, US 675,000
7 Ryan Yu Ontario, BC, CA 635,000
8 Jason Reels WINTERSET, IA, US 635,000
9 Austin Farmer North Chesterfield, VA, US 630,000
10 Amirpasha Emami North York, , CA 625,000

Event #19: Dario Sammartino in carrozza al day 2 del PLO High Roller

Partito un altro High Roller di queste WSOP 2022, in questo caso disputato nel Pot Limit Omaha su tavolo da 8 giocatori. 195 gli ingressi al momento, per un torneo a 25.000$ che consente ben 2 re-entry e che terrà la registrazione tardiva aperta fino a due ore dopo lo start del day 2 di questa notte. Il day 1 di Dario Sammartino è andato abbastanza liscio, con le 150mila fiches di partenza che sono diventate 276.000, per una quarantunesima posizione parziale, sui 124 che al momento hanno passato il taglio. Tra questi anche Ben Lamb, terzo al Main Event 2011 e vincitore di un braccialetto proprio nel Pot Limit Omaha, sempre nel 2011.

Benba polemico

Benba non ha nascosto il proprio disappunto per la mancata adozione dello shot clock, in questo e altri tornei high roller di queste WSOP. A suo dire ciò sarebbe dovuto alla mancanza di un adeguato numero di tablet per contare i 30 secondi canonici dello shot clock, ma non abbiamo conferme ufficiali che ciò corrisponda al vero. Pertanto c’è solo da registrare questo tweet al veleno di Lamb.

Phil Ivey durante il PLO High Roller (Courtesy PokerNews & Katerina Lukina)

Ivey c’è

Ovviamente il field è stracolmo di talento e di storia del poker, compreso un Phil Ivey ormai ri-acclimatato definitivamente al suo ruolo di stella del poker e a caccia del braccialetto numero 11. Ivey è al momento 25° a 360mila. Questa invece la top 10:

1 Jared Bleznick United States 601,500
2 Chris DeMaci United States 586,000
3 Sean Winter United States 578,000
4 Frank Crivello United States 575,000
5 James Chen United States 553,000
6 Ben Lamb United States 540,500
7 Dmitrii Perfilev United States 536,500
8 Duarte Baptista Portugal 484,500
9 Kristopher Tong United States 444,500
10 Conrad De Armas United States 437,500

Immagine di copertina: Dario Sammartino (courtesy PokerNews & Danny Maxwell)

COMPARAZIONE GIOCHI
"Assopoker l'ho visto nascere, anzi in qualche modo ne sono stato l'ostetrico. Dopo tanti anni sono ancora qui, a scrivere di giochi di carte e di qualsiasi cosa abbia a che fare con una palla rotolante".