Vai al contenuto

WSOP 2022: Morciano esplode al Senior e stasera lotterà per il bracciale

Morciano on fire. Una nuova giornata che ci mette di fronte ad una speranza che solo stanotte vedremo se assumerà i connotati di un risultato eccezionale.

Parliamo del percorso di Biagio Morciano dal quale partiamo subito.

Event #47: $1,000 Seniors Championship

Nei giorni scorsi vi abbiamo dato conto dei numeri del torneo riservato ai giocatori seniors, che aveva toccato il numero ufficiale delle 8.188 iscrizioni, per un prize pool complessivo di $6,397,320, suddiviso a partire dal Day 2 in 1.079 players in the money.

Il Day 3 ha regalato buone soddisfazioni al terzetto italiano che ha perso due elementi, Giovanni Di Donato e Luca Dal Cerro, quest’ultimo francese ma battente bandiera italiana sui report di tutto il mondo, rispettivamente 28° e 32°, entrambi per un premio di 22.133 dollari.

Ma la notizia più bella è che il nostro Biagio Morciano è ancora presente tra i 18 left e si ripresenterà ai nastri di partenza del Final Day con 6 milioni in chips, a ridosso dei primi 10 e proverà a vincere il braccialetto e un primo premio di $694,909.

I sopravvissuti hanno una moneta garantita da $27,271, ad un passo dallo step successivo che vale oltre $33.000.

In testa l’esperta Kathy Liebert con l’invidiabile stack di 21 milioni in chips.

1 Kathy Liebert 21,000,000
2 Ben Sarnoff 15,500,000
3 Eric Smidinger 13,275,000
4 Alexander Hill 12,500,000
5 Andres Korn 10,550,000
6 Jan Pettersson 10,525,000
7 Mark Pett 8,675,000
8 Steven Himebaugh 7,025,000
9 Patrick Martorella 7,000,000
10 Domenico Scalamogna 6,350,000

Event #50: $250,000 Super High Roller

L’Evento #50 delle World Series of Poker (WSOP) 2022, il $ 250.000 Super High Roller, il più grande buy-in dell’estate di Las Vegas, è iniziato con 56 partecipanti e sabato gli otto finalisti sono tornati a giocare per trionfare a fine serata e reclamare il proprio pezzo di un Montepremi di $ 13.944.000. Alex Foxen ha iniziato da chip leader, e gli ci sono volute cinque ore per andare wire-to-wire verso il suo primo braccialetto d’oro, e un fantastico premio in denaro di $4.563.700, nuovo record della sua carriera.

Significa davvero molto per me. È stata una specie di scimmia sulla schiena che non riuscivo a levarmi. Ho sempre desiderato un braccialetto. mi ci sono avvicinato in almeno tre occasioni, ma sono sempre rimasto deluso… è davvero speciale arrivare primo“, ha detto Foxen, uno dei tre giocatori al tavolo finale senza braccialetto.

1 Alex Foxen USA $4,563,700
2 Brandon Steven USA $2,820,581
3 Chris Hunichen USA $1,931,718
4 Adrian Mateos Spain $1,367,206
5 Sam Soverel USA $1,001,142
6 Martin Kabrhel Czech Republic $759,362
7 Phil Ivey USA $597,381
8 Dan Zack USA $488,095
9 Henrik Hecklen Denmark $414,815

Scopri tutti i bonus di benvenuto

Event #49: $2,000 No-Limit Hold’em

Sono rimasti in 6, invece, a giocarsi il titolo dell’evento numero 49, proprio mentre andiamo online.

Sarà difficile che venga assegnato il braccialetto durante la mattinata italiana, ma la situazione attuale è questa:

1 Michael Watson 17,500,000
2 Daniel Custodio 12,500,000
3 Evan Sandberg 8,000,000
4 Christopher Frank 7,200,000
5 Ioannis Angelou Konstas 6,700,000
6 Simeon Spasov 6,200,000
7 Walter Ripper 2,600,000

Event #51: $400 Colossus

Il Day 1B del Colossus, ha invece ufficiosamente richiamato alle casse di iscrizione un totale di 7.704 giocatori, che hanno così creato, insieme agli iscritti del Day 1A, un totale di 13.636 partecipanti, per un montepremi, anch’esso ufficioso, di $1,936,770.

Tra i migliori Enrico Mosca, che ha già toccato quota 600.000, a ridosso della top ten.

1 Phil Rigby 885,000
2 Sameh Youssef 875,000
3 Carlos Dorca 851,000
4 Johann Compagnon 810,000
5 Sheila Raines 800,000
6 Andrea Tropea 740,000
7 Royce Baker 715,000
8 Gary Burrell 680,000
9 Donnie Peters 657,000
10 Dennis Backhaus 650,000

Homepage: Biagio Morciano Courtesy pokernews & Hayley Hochstetler

"C'è chi pensa che sia impossibile prendere parte a tutti i tavoli finali dei tornei a cui si partecipa. Questo è vero per tutti. Tranne per chi li racconta".