Vai al contenuto

High Stakes: il graffio di Ziigmund, Isildur1 bastona Cole South

ilari-sahamies

Da tempo, a tenere banco nei tavoli nosebleed degli High Stakes online su Full Tilt Poker sono le varianti come Deuce to Seven Triple Draw e 8-Game, ma nell’ultima settimana (complici anche le World Series) sono tornati di moda il NLHE e il Pot Limit  Omana. 

Vecchi giochi e vecchi protagonisti: a tornare nella top 10 settimanale, il noto regular finlandese  Ilari “Ziigmund” Sahamies, capace di massimizzare al massimo il profitto (oltre 220.000 dollari), in sole 8 sessioni e 1.711 mani macinate. Il buon vecchio Ilari è sempre sulla cresta dell’onda e il rush settimanale gli vale un bilancio in attivo nel 2014 di 190.771 bigliettoni  verdi. A dire il vero, su Full Tilt Poker, quest’anno ha giocato pochissimo l’istrionico scandinavo.

Ottimo il grinding di “Ilari FIN” (l’altro suo nick) su PokerStars.com, con un profitto di 349.600 $  in 8.916 sessioni.

Nonostante gli eccessi, Ilari Sahamies continua a rimanere uno dei top players più costanti negli High  Stakes online da molti anni. Le sessioni alcoliche sembrano oramai un lontano ricordo.

ilari-fin

Il grafico di IlariFIN su PokerStars per il 2014 (fonte HighStakesdb)

Scopri tutti i bonus di benvenuto

Meglio di lui, nell’ultima settimana ha fatto però il misterioso grinder Denoking capace di accumulare  su FTP la bellezza di quasi 300.000$ di profitti. Viktor “Isildur1” Blom ha chiuso in positivo (52.000$), sulla stessa linea di Sauce1234.

Lo svedese però ha dato spazio alla vendetta e si è scatenato contro Cole South, uno dei coach storici di CardRunner, con il quale Isildur1 ha sempre un conto aperto. 

Venerdì, in 5 sessioni e 866 mani nel Duece to Seven Triple Draw (ai limiti 300$-600$ ma il confronto  è finito in bellezza nei giochi 500$-1.000$ NLHE), Viktor ha prelevato dal conto del vecchio rivale 156.977$. Maglia nera per il tedesco Sanlker (ha perso 287.000$ in sette giorni).

 

Editor in Chief Assopoker. Giornalista e consulente nel settore dei giochi da più di due decenni, dal 2010 lavora per Assopoker, la sua seconda famiglia. Ama il texas hold'em e il trading sportivo. Ha "sprecato" gli ultimi 20 anni della sua vita nello studio dei sistemi regolatori e fiscali delle scommesse e del gioco online/live in tutto il Mondo.