Vai al contenuto
Davide 'zizinho' Suriano

Davide Suriano sfiora il 2° braccialetto WSOP online: “live hanno un altro valore”

Un paio di giorni fa, Davide “Zizinhoooo” Suriano ha festeggiato un colpo importante alle WSOP online, un runnerup che vale 190.000 dollari.

Zizinho” è uno dei pochi italiani che si è già stretto al polso un braccialetto in passato, per la precisione nel 2014 quando a Las Vegas vinse il $10.000 Heads-Up NLHE per oltre $330.000.

L’evento appena disputato online era un $1.500 di buy-in che ha richiamato 1.358 giocatori

Questo significa che per un soffio, Suriano non è entrato nella strettissima cerchia di italiani con più di un bracciale WSOP, gruppetto che ora conta solo Max Pescatori a quota 4 e Nicolò Molinelli, con due braccialetti vinti online.

Come vedrete in questa intervista però, Davide non si danna di non aver centrato il risultato, anche se la fame di braccialetti è davvero alta. Andiamo a vederlo direttamente dalle sue parole!

Zizinho vicino al secondo braccialetto

Ciao Davide, bentornato su queste pagine. Come è andato questo torneo?

“Non posso proprio lamentarmi! Al Day 2 partivo con 10 blinds a 31 left quindi non avevo spazio di manovra, poi ho vinto un colpo a 25 left, A-A contro A-K e poi a 15 left è arrivata la mano della svolta che mi ha portato deep e mi ha permesso di fare un po’ di gioco.

L’avversario in Heads-Up non lo conoscevo, ma prendo molte informazioni durante il gioco. Avevo notato che apre tantissimo e folda tanto alle 3-bet, infatti vedendo il replay a carte scoperte c’è stata una mano a 30x effettivi dove lui apre x2 con 7-7, io rilancio 4,5x e lui ha snap foldato! Era uno spot dove poteva andare, perché io stavo tribettando tutte le mani a una certa.

Poi lui si è messo pari stack con me, un po’ più deep, e lì gli short double-uppavano sempre e lui rubava i bui a me. Io non potevo fare più di tanto gioco per questioni di ICM, e ho aspettato che bustassero i due short con 8-9 bb a testa. Quando hanno bustato poi lui aveva preso vantaggio. Se avessi vinto il flip in HU mi potevo portare pari stack per giocare, ma purtroppo l’ho perso.

Tutto sommato non mi posso lamentare, anzi sarebbe stupido lamentarsi. Mi ritengo una persona molto fortunata, e poi non c’era un payjump enorme tra primo secondo.”

Le mani principali

Ci racconti questa mano della svolta?

“Eravamo 15 left a bui 17.500/35.000 ante 3.500. Una mano d’esperienza! Foldano tutti fino a SB, che limpa, e io tank-checko k k .

Flop 7 5 2 , Small punta 48.500, faccio passare un po’ di tempo e chiamo.
Turn 6 , questa volta SB checka, io punto 52.500 e lui flatta.
River 2 , altro check di Small, io rifletto. Il pot è 299.000, lui ha 609.000 e punto 224.000, restando con 113.000 dietro. Infine chiama con 106 .

Ho fatto tutte le street perfette: se punto un cent in più al river lui passa, e se rilancio preflop lui folda. Tutto giusto dalle size ai timing.

Scopri tutti i bonus di benvenuto

Poi l’ultima mano era un coinflip che mi poteva rimettere in pista per giocare e dire la mia. Io partivo con 3,3 milioni, lui con 11, blinds 100.000/200.000 ante 25.000.

“SvenCalls” limpa da BTN, io spillo 6 6 e faccio 800.000. Lui shova e io chiamo praticamente subito.

Oppo gira a 7 , e sul flop cade subito un 7 a faccetta. Il resto del board è 3 8 k 2 .” “

Arriveranno altri braccialetti

Sei uno dei pochi azzurri ad aver vinto un braccialetto. Hai ancora fame di mettertene un altro al polso?

“Non un braccialetto, il mio obiettivo è vincerne ancora tanti: 10, 11… è difficile ma è ancora quello che sogno. Non penso di dover dimostrare nulla a nessuno, ma se capita tanto meglio!

Ho già preso molti pali nel tentativo di vincerne un altro, sia live che online. Sono sicuro che ne arriveranno, nel frattempo non posso che essere soddisfatto del mio gioco che ogni giorno è sempre migliore.

In questo caso poi non me la sono presa, perché un braccialetto vinto a un $1.500 non è la stessa cosa. Vincere un braccialetto da $10.000 ha tutto un altro valore… diciamo che se arriva nel Main Event Online è già un altro discorso!”

Scrivo di poker da 10 anni, praticamente è l’unica cosa che ho fatto. Ho passato più tempo effettivo in un casinò che a casa e nonostante questo non riesco a battere il NL10. Spero di scrivere meglio di come gioco.
MIGLIORA IL TUO POKER CON I NOSTRI CONSIGLI