Vai al contenuto

“Blackrain79”, il re dei microstake e il sogno coronato della propria indipendenza

Abbiamo parlato di Nathan “BlackRain79” Williams in questo portale in più di un’occasione, anche recentemente, quando lo fece sulle pagine di Assopoker Luciano Del Frate e qualche anno fa Gianluca Giotto.

Nathan “BlackRain79” Williams: indipendente e felice

Dal blog che il giocatore americano scrisse quando cominciò a capire di poter vivere per sempre senza dover dipendere da nessuno, abbiamo spesso estratto perle di una saggezza innata che sono servite da monito e ispirazione per decine di migliaia di giocatori che hanno provato a ripercorrerne le gesta.

La parte iniziale della carriera di “BlackRain79″ fu vissuta dal giocatore all’insegna di una specie di mantra che ancora oggi, nonostante egli abbia raggiunto risultati incredibili, rimane la sua pedissequa stella polare.

Parliamo della necessità da parte di ogni individuo che vuole raggiungere uno scopo, di non fare diventare il denaro un fine, ma un tramite per il raggiungimento dei propri traguardi.

A dirla così è ovviamente fin troppo facile, ma, il ragionamento è spiegato proprio sul blog di Williams.

La propria attività al giorno d’oggi

Ho sempre creduto nel fatto di poter sognare un po’ più in grande nella mia vita. Ho capito molto presto che un lavoro “normale” 09-17 facendo fare i soldi a qualcun altro, aiutandolo a costruire i suoi sogni, non è mai stata una cosa invitante per me. Spiega BlackRain79.

Ero alla disperata ricerca di un modo per creare una versione diversa della realtà in cui avrei avuto il controllo. Creare i miei sogni, costruire il mio destino.

Avevo bisogno di essere il capo di me stesso, lavorare quando voglio e dove voglio. Ed essere in grado di ottenere una vera libertà finanziaria per me e la mia famiglia.

Anche se in realtà ho fatto l’intero percorso universitario e mi sono laureato, non vedevo alcun modo realistico per farlo accadere lavorando per qualcun altro.

Quindi se non fosse stato il poker online, sarebbe stato qualcos’altro online per me. L’avrei fatto funzionare al 1000% online una volta che ho visto il potere di questa cosa di cambiare la vita.

Ed è per questo che ringrazio Dio ogni singolo giorno in cui sono nato nell’era più grande della storia umana in cui puoi letteralmente creare un’attività estremamente redditizia dal tuo smartphone o laptop.

Scopri tutti i bonus di benvenuto

Credere in se stessi

Qual è il filo conduttore di ciò che avete letto fin qui?

Quelli che hanno colto l’occasione come ho fatto io, è perché hanno sognato un po’ più in grande degli altri nella loro vita. E si davano da fare come se la loro vita dipendesse da questo.

Ovviamente nessuno crederà che tu possa farlo all’inizio. Probabilmente rideranno di te se deciderai di fare qualcosa di folle come ho fatto io, diventare un professionista di poker micro stakes.

E poi anche autore di libri e testi sulle partite micro stakes di poker. Chi diavolo leggerà un libro su NL2 o NL5 mi hanno detto più e più volte.

Ma ecco il punto, però. La loro “opinione” non significa assolutamente nulla in realtà. Zero.

L’unica persona che deve credere nel tuo sogno sei tu. E da lì, vai e fallo accadere. Piega l’universo alla tua volontà.

Non accadrà durante la notte però. Ed è qui che il 95% delle persone finisce per fallire.

"C'è chi pensa che sia impossibile prendere parte a tutti i tavoli finali dei tornei a cui si partecipa. Questo è vero per tutti. Tranne per chi li racconta".