Vai al contenuto

Guida Scommesse 4: è possibile vincere con le multiple? La strategia

Guida scommesse (quarta puntata) . Riprendiamo il discorso della terza puntata della nostra guida scommesse. Abbiamo visto che, in genere, c’è valore atteso negativo a scommettere in multipla. Più partite ed eventi sono inseriti nella schedina e più cresce il vantaggio matematico del banco a discapito del punter (lo scommettitore).

Però, come anticipato, nel betting ci vuole molta elasticità. E’ vero tutto ed il contrario di tutto.

Se il bookmakerper il lancio della monetina ci paga 1.95 invece di 2 (probabilità 50%) non ci conviene scommettere né in singola, né in multipla.

Quando i bookmakers pagano di più (con una quota sbagliata)

Ma se un book ci paga per sbaglio (abbiamo visto le dinamiche del mercato possono portare a quello) a 2.10 il nostro testa o croce?

In poche parole per la testa o la croce le probabilità sono al 50%, quindi la quota è 2.00 (100:50 uguale 2).

In realtà a 2.10, il bookmaker sta pagando come se le probabilità fossero al 47,6% (100:2.10 uguale 2.10).

In poche parole abbiamo un vantaggio del 2,4%. Un edge matematico notevole. Visto che il banco è disposto a pagarci di più rispetto a quello che stiamo rischiando. Nel lungo periodo è un vantaggio importante.

In questo caso conviene scommettere in singola perché abbiamo un vantaggio matematico che nel lungo periodo si traduce in un vantaggio monetario (ma dovete scommettere con responsabilità e rispettare il vostro bankroll).

 

LE RECENSIONI DEI BOOKMAKERS LEGALI ITALIANI 

 

Scommettere in doppia (o in tripla) moltiplicando il vantaggio sul banco

Mettiamo caso che troviamo due quote sbagliate a 2.10 invece di 2 per il lancio della monetina, è il nostro giorno fortunato. In questo caso il nostro vantaggio si moltiplica e da 2,4% si trasforma in un 5,76%.

Pronostici di oggi
Tennis Wimbledon
Bouzkova – Jabeur

Ottimo torneo, sinora, per la ceca numero 66 del ranking. Tuttavia, per lei, è in arrivo lo scoglio più difficile: nel quarto di finale di Wimbledon, il match contro la tunisina Jabeur (numero 2 del tabellone e principale candidata alla vittoria finale dopo l'uscita della Swiatek) assume i connotati dell'impresa impossibile. Pur non essendoci precedenti tra le due, la disparità tecnica sembra evidente, e risulta difficile pensare ad un risultato diverso dallo 0-2 per la Jabeur.

Vincente match ›
0-2 Jabeur
Tennis Wimbledon
Djokovic – Sinner

Che personalità, quella mostrata da Sinner contro Alcaraz. Ormai l'altoatesino è nettamente tra i top mondiali della racchetta, ed è forse l'unico che può realmente impensierire Novak Djokovic. L'azzurro, che sta vivendo un periodo memorabile su una superficie che teoricamente non doveva favorirlo, sta mettendo in campo qualità che possono mettere in difficoltà ogni avversario. Pensiamo che almeno un set possa portarlo via al campione serbo; da qui, il passaggio a scegliere un bell'over 34.5 giochi pagato quasi alla pari è pressoché obbligato.

U/O giochi nel match ›
Over 34,5
Tennis Wimbledon
Maria-Niemeier

Derbi tedesco tra la 34enne Tatjana Maria e la 22enne Jule Niemeier, che produrrà sicuramente una semifinalista "unseeded". Maria ha avuto un tabellone un po’ più probante, avendo sconfitto una top 5 (Sakkari) e una ex top 5 (Ostapenko). Niemeier ha fatto fuori la numero 3 al mondo Kontaveit, pur se non certo al meglio, e due giocatrici oltre il n.100 (Tsurenko e Watson) ma competitive su erba.

Tutto considerato, giocare Maria vincitrice di almeno un set a 1,57 appare una mossa saggia.

Giocatore vince almeno un set ›
Maria vince almeno un set
Scopri tutti i pronostici

Confrontiamo le due ipotesi: scommettiamo sui due lanci in singola e sui due lanci in doppia (multipla).

Roi medio per singole (con valore atteso)

Conviene in questo caso scommettere più in singola o in multipla? Siamo disposti a rischiare €20. In singola, scommettiamo €10 per match. Essendo la quota a 2.10, nel caso di successo abbiamo un profitto netto di €11+€11 dopo aver rischiato €20 totali.

Nel caso in cui indovinassimo solo 1 match su 2 (tipo over Juventus-Milan, sbagliato Inter-Roma) il profitto sarebbe di €2 (ne vinciamo 12 e ne perdiamo 10). Sempre €2 se indovinassimo solo l’over dell’Inter.

Se le dovessimo sbagliare entrambe, registreremo una perdita totale di €20.

Ma il ritorno medio dell’investimento potenziale è pari a 3,75% se dovessimo calcolare tutte le ipotesi.

Roi medio per multipla (con valore atteso)

In multipla il roi medio atteso cresce invece ancor di più. Puntiamo €20 su schedina con due eventi con quote 2.10 e 2.10. Se dovessimo indovinare entrambe otterremo un utile netto di €68,2.

Se ne sbagliassimo una o entrambe la perdita sarebbe sempre di €20. In questo caso il ritorno sull’investimento medio atteso (calcolando tutte le possibili combinazioni) è del 9,2%.

Inutile dire che se individuiamo più di una partita con valore, c’è più convenienza a puntare in multipla che in singola. Naturalmente le probabilità di andare all’incasso saranno più basse (un conto è avere il 50% ed un conto è avere il 25% ma sarete in proporzione pagati di più rispetto al rischio).

In conclusione, scommettete in multipla solo quando c’è valore atteso nelle quote. Vi abbiamo spiegato alcuni trucchi per farvi un’idea sul valore atteso potenziale nelle quote.

Nel betting non esistono strategie vincenti a prescindere che vi danno risultati sicuri, visto che gli eventi sportivi sono sempre incerti. Ma se cercate di puntare sempre con quote sbagliate (con valore atteso positivo), le vostre probabilità di essere vincenti nel lungo periodo aumentano.

Non scommettete mai oltre le vostre possibilità, siate responsabili.

Guida scommesse – quarta parte – continua

Leggi la guida completa alle Scommesse di Assopoker!

Segui  tutti i nostri consigli sul betting sulla pagina Facebook AssoNews. Metti like alla nostra pagina!

 

Segui il nostro Bar Sport

Per rimanere aggiornato su eventi, quote e pronostici, segui il nostro canale Bar Sport su Telegram.

SEGUICI

(è gratis!)

Giornalista e consulente nel settore dei giochi da più di due decenni, dal 2010 lavora per Assopoker, la sua seconda famiglia. Ama il texas hold'em e il trading sportivo. Ha "sprecato" gli ultimi 20 anni della sua vita nello studio dei sistemi regolatori e fiscali delle scommesse e del gioco online/live in tutto il Mondo. Editor in Chief.