Gioco legale e responsabile

News

SOLIDARIETA’. Raccolta fondi per i figli di Gavin Smith: in 12 ore i poker players donano $44.000

Trionfa la solidarietà nel mondo del poker che si stringe intorno alla famiglia di Gavin Smith scomparso in maniera prematura all'età di soli 50 anni. Sarà creato un trust per i suoi figli.

Scritto da
17/01/2019 14:03

2.432


La tragedia dell’improvvisa e prematura scomparsa di Gavin Smith a soli 50 anni ha innescato subito una gara di solidarietà tra i poker players professionisti americani che hanno lanciato una bella iniziativa in ricordo dell’amico scomparso: una raccolta fondi a beneficio dei due figli dello sfortunato giocatore di poker.

Gavin Smith

Gavin era padre dei due piccoli Kingston e Keegan che – dicono gli amici più stretti – amava più di tutto e tutti, anche della sua passione più grande, il poker.

Il noto poker pro ed amico Josh Arieh sta usando GoFundMe per raccogliere fondi per i due bambini: al momento sono stati raccolti già $44.000. In un primo momento l’obiettivo era $25.000 ora l’asticella è arrivata a $100.000.

In meno di 12 ore la comunità del poker ha risposto presente. Il fondo sarà destinato a sua volta ad un trust che avrà come beneficiari i due sfortunati figli Kingston e Keegan che hanno perso il papà, in modo così inaspettato, durante il sonno lunedì notte in Texas.

Tra i più attivi Shawn Buchanan, Chance Kornuth, Jay Boyce, Lex Veldhuis, Jared Jaffee, Zach Hyman, Matt Glantz e molti altri. Le donazioni variano dai €1.000 ai €20 ma hanno risposto in tanti.

Tutti hanno dato il loro contributo in base alle proprie possibilità. Il commentatore di PokerStars Joe Stapleton ha lavorato con Gavin alla produzione del vecchio podcast di Poker Road Radio ed ha raccolto 5 donazioni da $500.

Segui  tutte le notizie sul mondo del poker 24 ore su 24 sulla pagina Facebook AssoNews. Metti like alla nostra pagina!

 

Doyle Brunson proprio ieri su Twitter ha fatto sapere che parteciperà anche lui all’iniziativa e non è la prima volta che accade che i poker pro fanno delle donazioni alla famiglia di colleghi ed amici scomparsi.

“Spero davvero che venga fatta una donazione – auspica Texas Dolly – . Quando “cowboy” Wolford è morto, io e Bobby Baldwin abbiamo donato $25.000 che in soldi oggi sarebbero almeno $50.000. Chip, Roger e molti altri invitati inviarono somme minori. Gavin non era della mia generazione ma sto donando anche io. Dovremmo raccogliere $100.000 per loro”.

Phil Hellmuth ha twittato che organizzerà un torneo di beneficenza a Phonexi per accogliere fondi per la famiglia di Gavin Smith.

Sia Hellmuth che Arieh erano molto legati a Gavin che ha lasciato un’impronta ed un ricordo positivo nel mondo del poker che ora si sente in dovere di pensare ai suoi figli. In meno di dodici ore sono stati donati più di $40.000.

Come solito sui social c’è anche chi ama fare polemiche sulle tragedie e su nobili iniziative benefiche come questa. Su Twitter c’è anche chi si è domandato se avessero bisogno di aiuto finanziario i figli di un poker pro che nella sua carriera live ha incassato oltre 6 milioni di dollari nei tornei. Josh Arieh ha però assicurato che purtroppo i due bimbi hanno bisogno di sostegno economico.

Anche nella giornata di ieri si sono sprecati su Twitter commenti positivi sulla persona Gavin Smith che è stato molto attivo nella promozione del poker, con la partecipazione in trasmissione radiofoniche e televisive.

A ricordarlo sotto una luce diversa è stato lo streamer per eccellenza, Jason Somerville: “ho imparato molto da una delle persone più gentili che abbia mai giocato a poker. Gavin è stato un pioniere dei contenuti del poker, tra i primi professionisti a diffondere le proprie conoscenze attraverso podcast, radio e piattaforme digitali. RIP amico mio, il mondo del poker è peggiore senza di te”.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento