Vai al contenuto

Londra: assegnato un Bad Beat Jackpot da 220.000 £

Al famoso The Casino at The Empire di Londra, prendere una bad beat potrebbe rivelarsi un colpo tutt’altro che sfortunato. Dallo scorso febbraio, infatti, nella casa da gioco che ospita le World Series of Poker Europe è stato lanciato uno speciale Jackpot che proprio in questi giorni è finito nelle tasche di Rupert Graham, dopo aver toccato quota 222.000 sterline ossia circa 260.000 euro.

Graham era seduto ad un tavolo 1£/2£ assieme ad altri 7 giocatori, ed era lì già da parecchie ore quando si ritrova a partecipare a quella che probabilmente rimarrà la mano cash più ricca della sua vita.

Un primo player limpa preflop con A-5 offsuit e Rupert rilancia con coppia di 6. Un terzo giocatore, Halit Avoyli, 3-betta con K-K e riceve il call da entrambi. Il flop è un K-6-3, che regala a Graham e Avoyli un set, ed il primo player ci prova e punta 20 £. Graham raisa a 50 £ e Avoyli non ci pensa due volte e pusha per altre 250 sterline.

Il primo giocatore chiama, e lo stesso Rupert si adegua e poi gioisce per un altro 6 al turn che gli fa chiudere un quads! A quel punto, soltanto un K potrebbe batterlo, e pur se le probabilità che ciò accada sono pochissime, al river si presenta proprio la carta del miracolo che assegna a Halit Avoyli un piatto da 650 sterline.

Scopri tutti i bonus di benvenuto

Ma la vincita della mano è soltanto l’inizio dei festeggiamenti per tutti, perché grazie alla bad beat subita da Rupert il jackpot viene assegnato e ripartito tra tutti i player presenti al tavolo. Un bell’assegno da 111.000 £ va quindi a Graham come “risarcimento” per aver perso con un poker in mano ed altre 55.000 £ ad Avoyli perché aveva la mano vincente. I rimanenti 6 giocatori al tavolo si sono ritrovati invece con 7.500 £ ciascuno semplicemente per essere stati testimoni dell’evento mentre altre 1.400 sterline sono state assegnate agli 8 player che giocavano al tavolo vicino solo perché si trovavano nella poker room in quel preciso istante.

Quando si dice essere nel posto giusto al momento giusto… quale esempio migliore?