Vai al contenuto

Poker online: Tom Dwan brucia 1 milione in 7 giorni

Tom-DwanTom “durrrr” Dwan ha perso oltre 1 milione in una settimana di azione nel cash game online, perdendo anche la leadership annuale che è passata nelle mani di Daniel “jungleman12” Cates, ora in testa agli High Stakes su Full Tilt Poker.

Sono stati 7 giorni difficili per “durrrr” che ha macinato più di 3.000 mani. Gli sono costate care soprattutto un paio di sessioni: giovedì ha giocato 323 hands nei giochi 300$/660$ Pot Limit Omaha contro il nuovo misterioso protagonista del cash game, cadillac1944 ed ha pagato dazio rimediando perdite per 459.000$.

Qualche ora più tardi ha subito un’altra mazzata contro Gus Hansen, sempre agli stessi tavoli, perdendo altri 109.000$. Proprio “The Great Dane”  i profitti che era riuscito a maturare con tanta fatica nelle ultime settimane, li ha bruciati in una sessione folle contro Ilari  Sahamies, uscito vittorioso con 900.000$ in tasca. Il danese, continua a giocare a limiti pazzeschi: contro “Ziigmund” è stato spremuto ai tavoli 500$/1.000$ Cap PLO.

Tom Dwan ha perso lunedì altri 162.000$ in un tavolo che vedeva seduti tutti i big come Phil Ivey, Patrik Antonius e lo stesso “Ziigmund”. Nonostante questa battuta d’arresto, nel 2010 rimane sempre in attivo di 2,9 milioni di dollari. E’ stato però superato dal nuovo rivale “jungleman12” che da gennaio ha guadagnato $3,6 milioni.

Scopri tutti i bonus di benvenuto

Andreas “Skjervoy” Torbergsen ha senza dubbio vissuto una settimana diversa rispetto a “durrrr”. Il norvegese, membro di CardRunners e red pro, negli ultimi sette giorni ha presentato profitti per $1,5 milioni, grazie a positive sessioni contro cadillac1944.

Da segnalare inoltre il passo in avanti di deprimiert (+$788.000) e dello stesso cadillac1944 (+$650.000). Tra i maggiori sconfitti  Urindanger (-$732.000), la russa Malestra Pam (-$720.000), sbrugby (-$435.000) e Phil Ivey (-$344.000).

COMPARAZIONE GIOCHI CASINÓ
Editor in Chief Assopoker. Giornalista e consulente nel settore dei giochi da più di due decenni, dal 2010 lavora per Assopoker, la sua seconda famiglia. Ama il texas hold'em e il trading sportivo. Ha "sprecato" gli ultimi 20 anni della sua vita nello studio dei sistemi regolatori e fiscali delle scommesse e del gioco online/live in tutto il Mondo.