Vai al contenuto
mustapha kanit mazzo mescolato male

Come adattarsi a un nuovo mazzo mescolato male secondo Mustapha Kanit

Nel poker il momento di presa delle decisioni non è legato esclusivamente a odds, range e valore atteso: le variabili che influenzano la ‘best option’ possono essere davvero innumerevoli.

Ad esempio Mustapha Kanit ci ha aperto gli occhi sulla importanza dello shuffle quando al tavolo viene aperto un nuovo mazzo.

Un particolare che potrebbe sembrare secondario e che invece ha determinato in toto la sua linea in uno spot giocato al 5k 6-max WSOP 2023.

Niente push pre

Il torneo delle World Series of Poker è al 17° livello di gioco su blinds 500-1k con bb ante. Kanit ha poco più di 20bb di stack e spilla A J da bottone sulla apertura x2 di utg.

La action più standard da parte sua sarebbe il push, ma c’è qualcosa che ha notato che gli fa cambiare idea:

“Ho visto che è successo qualcosa di strano. Quando la dealer ha mescolato il mazzo era arrivata al tavolo un po’ in ritardo. Non era molto concentrata quando ha ‘shufflato’ e tutte le carte erano attaccate una all’altra. Sai, A-2-3-4-5… Non so, in base alla mia esperienza, quando si verifica questo, di solito ci sono tante mani buone una accanto all’altra. É un po’ strano da spiegare ma decido di limitarmi al call con AJs quando sarei potuto andare all-in. Davvero close. Voglio dire, normalmente sarei andato all-in ma lo shuffle del mazzo nuovo non è stato fatto abbastanza bene e così ho deciso di chiamare e basta perché A-K potrebbe essere accanto a A-Q suited, mani così, e quindi ho voluto andare sul sicuro. Direi che è un qualcosa collegato alla esperienza.”

Scopri tutti i bonus di benvenuto

Tutta la linea è influenzata

Dopo il call di Kanit chiamano anche i due giocatori sui blinds. Scende un flop Q K 7 e dopo i check dei tre avversari, Musta checka dietro.

“Al flop dopo i check avversari ho un po’ di rimpianti perché normalmente sarei andato all-in preflop, ma non sembrava la mossa giusta per come ho visto che la dealer aveva mescolato il mazzo e volevo solo giocare safe. Check.”

Un fold scritto

Al turn scende un 8 , small blind bet 25k e incamera il pot dopo i fold avversari.

“Al turn arriva un otto fiori, come dicevo ci sono carte connesse tra loro. E’ una mano davvero strana. Devo foldare qui, potrei essere morto… La decisione è close al turn ma ho qualche rimpianto perché se avessi pushato probabilmente under the gun avrebbe foldato e io avrei preso tante belle chips. Ma ho deciso di restare sulla mia read, in base alla mie sensazioni e quindi ho giocato così. A volte quello che succede intorno ti può influenzare, oppure vedi qualcosa che impatta la tua decisione, anche questo fa parte del gioco.”

Dopo anni passati a scrivere di altro, in un periodo sabbatico mi sono appassionato al poker e dal 2012 è diventato il mio pane quotidiano. Intanto ho scritto un paio di libri che niente hanno a che vedere col nostro meraviglioso gioco.
MIGLIORA IL TUO POKER CON I NOSTRI CONSIGLI