Vai al contenuto

Cash game online: il Tar del Lazio sospende tutto

Un vero e proprio fulmine a ciel sereno ha bloccato l’iter del cash game ed i giochi da casinò online. La seconda sezione del Tar del Lazio ha sospeso il decreto legge attuativo su ricorso presentato da Microgame. Il tribunale amministrativo ha sospeso l’efficacia del provvedimento in via cautelare fino all’udienza del 13 ottobre prossimo, quando verrà discussa la querelle nel merito. Si prevedono tempi lunghi.

 

Microgame ha contestato ai Monopoli di Stato di aver modificato in maniera sostanziale il testo inviato alla Commissione Europea per la notifica rispetto a quello pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Per questo motivo il Tar del Lazio ha deciso di sospendere l’introduzione del cash in Italia, che rischia di diventare una storia infinita.

Il rischio è che l’attuale decreto venga rispedito a Bruxelles, nel qual caso la Commissione Europea dovrebbe riaprire dall’inizio la procedura, con relative notifiche ai paesi membri dell’Unione Europea. Microgame ha inoltre chiesto risarcimento danni ed inviato un’istanza proprio all’esecutivo comunitario.

Bonus poker online
Scopri tutti i bonus di benvenuto

Il Ministero delle Finanze ha replicato che le modifiche successive sono state solo formali. Domani, giovedì 10 giugno, verrà resa pubblica dal presidente della sezione del Tar l’ordinanza, e si conosceranno i dettagli della decisione. L’unica cosa certa è che fino ad ottobre tutto rimarrà immutato e gli appassionati italiani potranno giocare solo in modalità torneo.

In tutti i casi è impensabile che nel 2010 il cash game diventi una realtà del poker italiano. E questo sarà un grave danno per tutto il mercato gestito dai Monopoli di Stato, mentre nella vicina Francia verrà avviato il cash game in tempi brevi. Società come Everest Poker e Full Tilt sono da parecchio tempo alla finestra, pronti ad acquisire una licenza italiana una volta che la modalità differente da torneo diventi effettiva.

COMPARAZIONE GIOCHI
Editor in Chief Assopoker. Giornalista e consulente nel settore dei giochi da più di due decenni, dal 2010 lavora per Assopoker, la sua seconda famiglia. Ama il texas hold'em e il trading sportivo. Ha "sprecato" gli ultimi 20 anni della sua vita nello studio dei sistemi regolatori e fiscali delle scommesse e del gioco online/live in tutto il Mondo.