Vai al contenuto

Clement Eloy, la sua storia: “impossibile bluffare Antonius, ma sono pronto per il PSPC a Barcellona”

Barcellona – dal nostro inviato –  Clement Eloy, producer designer freelance francese, è un grande appassionato di poker e di serie tv. Ha due figli e per questa ragione si dedica principalmente ai giochi online, ma al primo evento dal vivo non ha lasciato scampo ai suoi avversari ed ha vinto il torneo “Chase your Dream” a Barcellona durante l’EPT, di fronte al calciatore Gerard Piqué, ai due noti professionisti Patrik Antonius e Lex Veldhuis, agli ambasciatori di Pokerstars Bruce Buffer e Fatima De Melo, oltre all’ex campione del Mondo Chris Moneymaker.

Clement Eloy al momento della premiazione del Platinum Pass (photo courtesy of Rational Group – Neil Stoddard)

Gli piace bluffare “ma contro Antonius è impossibile, è veramente molto solido”. Una vittoria a sorpresa per un esordiente assoluto, anche questo è il bello di questo gioco: “È stato fantastico, non avevo mai giocato un torneo live” ammette Clement. “Ho cercato di non pensare troppo alle telecamere, ma è stata un’emozione enorme, giocare contro i 5 professionisti e riuscire anche a vincere è stato super”. La fortuna del principiante.

Pur non avendo esperienza, ha capito che alcuni tells live non li poteva regalare agli avversari e quando gli chiediamo sul perché giochi con la sciarpa (a Barcellona faceva caldo nonostante l’aria condizionata nel casinò) lui ci ha svelato: “perché nasconde la carotide e qualsiasi suo movimento potrebbe tradire le emozioni. Cerco, in questo modo, di non farmi leggere dagli avversari.

“Quella del poker è una passione nata 15 anni fa: ancora ero studente e giocavo con gli amici. Il poker in televisione mi ha stregato e mi è piaciuto sempre di più, fino a quando non ho cominciato a giocare online”.

Al tavolo finale ha piegato la resistenza anche degli altri qualificati al torneo, come ad esempio l’inglesina 38enne di Tenerife Danielle Summer, lo spagnolo Adrian Garcia, 23enne studente e DJ di Salamanca, il tedesco Christoph Walkenhorst, 35enne assistente sociale attualmente in congedo parentale di Bielefeld e Daryl Inglis, 43enne veterano dell’esercito canadese originario dell’Ontario.

Peccato che per via delle nuove leggi (ban della pubblicità) nessun italiano era presente al torneo ma potranno aggiudicarsi un Platinum Pass a Nova Gorica, in occasione dell’IPO. Eloy stima molto i nostri players: “Non li ho affrontati in questo torneo, ma so che gli italiani hanno uno stile aggressivo e difficile da leggere. Ci sono tanti buoni giocatori nel vostro paese” rivela nella media room ai nostri microfoni.

Clement ha combattuto fino all’heads-up finale contro il dj iberico Adrian Garcia: in palio c’era il primo premio da €10.000 e nessuno sapeva che al termine del torneo sarebbero stati raggiunti da una bella notizia: la qualificazione diretta al prossimo PSPC a Barcellona.

Proprio al termine dell’evento, Bruce Buffer sul palco, di fronte ai giocatori dell’EPT, ha annunciato la seconda edizione del PokerStars Players Championship (PSPC) a Barcellona.

In questo modo il designer francese tornerà a Barcellona nel 2020 per giocarsi il titolo detenuto dallo spagnolo Ramón Colillas, vincitore della prima edizione assoluta alle Bahamas (a proposito, quest’anno non si disputerà il PCA).

Bonus poker online
Scopri tutti i bonus di benvenuto

Clement Eloy è stato quindi il primo vincitore del Platinum Pass per l’high roller che nell’agosto 2020 si disputerà in terra catalana.

Come il francese pensa di prepararsi a questa occasione unica? Giocherò molti tornei dal vivo nei casinò, in modo tale da prepararmi anche psicologicamente. Non ho fatto ancora programmi per il futuro, devo realizzare quello che è successo” tutto è successo così in fretta, in poche ore.

Le altre interviste:

Iscriviti alla newsletter

Per ricevere tutte le novità (no spam) di assopoker direttamente nella tua casella di posta

Giornalista e consulente nel settore dei giochi da più di due decenni, dal 2010 lavora per Assopoker, la sua seconda famiglia. Ama il texas hold'em e il trading sportivo. Ha "sprecato" gli ultimi 20 anni della sua vita nello studio dei sistemi regolatori e fiscali delle scommesse e del gioco online/live in tutto il Mondo. Editor in Chief.