Gioco legale e responsabile

Curiosità

Full Tilt chiude: i 5 players più vincenti della storia, da Phil Ivey a Patrik Antonius e Di Dang

Diamo l'addio alla mitica red room che chiude i suoi battenti. Ha rappresentato un'epoca d'oro per il poker e gli high stakes. Il modo migliore per ricordare la red room è ripercorrere la sua storia con i suoi protagonisti vincenti senza farci mancare le cronache di quei giorni che nessun appassionato di poker potrà mai scordare.

Scritto da
26/02/2021 20:16

2.561


Siamo alla fine di un’epoca con la chiusura dei battenti di una delle poker room storiche del poker mondiale. Full Tilt Poker, prima del black friday, è stata la casa degli high stakes ed ha rappresentato per molti anni, il secondo sito mondiale di poker (nell’epoca d’oro di questo gioco) con migliaia di players di tutto il mondo.

Patrik Antonius e Phil Ivey ai tempi d’oro di Full Tilt Poker

Sul sito di Chris Ferguson, Howard Lederer e Ray Bitar, si giocava a limiti importanti, con i più ricchi milionari appassionati di poker (Guy Laliberté e Paul Puha solo per fare due nomi) che amavano sfidare i giocatori più famosi dell’epoca. Una passione pagata a caro prezzo. Una manna per i professionisti.

Le polemiche inevitabili legate alle classifiche

HighSkakesDB ha per anni tracciato molte sessioni online e le classifiche dei top 5 winners e losers sono destinate a scatenare polemiche. Per quale motivo? Perché tra i top vincitori ci sono diversi giocatori sponsorizzati di Full Tilt che dopo il 2011, su altri siti, non hanno più vinto (vedi Phil Ivey) ma semmai perso milioni di dollari. C’è una spiegazione anche tecnica che giustifica (almeno in parte) questa differenza di performance (ne parleremo in seguito, esaminando la classifica).

Nella classifica dei perdenti ci sono giocatori come Viktor ‘Isildur1’ Blom (che su PokerStars.com risulta tra i più vincenti) che sono stati vittime di incidenti spiacevoli, come quello contro Brian Hasting che gli inflisse una dura sconfitta (4,2 milioni di dollari persi in 5 ore).

Ricordiamo che Isildur1 è stato vittima di Hasting e soci (tutti sponsorizzati come red pro di Full Tilt) che condivisero le Hand History proprio dello svedese (una pratica vietata dal regolamento degli high stakes), caduto in una vera e propria imboscata.

Considerando come si è sviluppata la storia di Full Tilt, è giusto farsi delle domande su queste sessioni e vincite.

In ogni caso il diritto di cronaca ci impone di condividere con voi queste classifiche. Iniziamo oggi dai  5 top winners di Full Tilt di tutti i tempi.

Brian Hastings “giustizia” Isildur1: è la fine?

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

Phil Ivey $19.242.743

Phil Ivey ha senza dubbio scritto la storia degli high stakes della red room, vincendo quasi 20 milioni di dollari in oltre 680mila mani. Non fatevi però ammaliare troppo da queste enormi vincite. La realtà però non era così radiosa.

Quando Bernard Tapie voleva acquistare la disastrata Full Tilt – in fase di due diligence, –scoprì che Ivey era debitore verso il sito per svariati milioni di dollari. Il buon Phil non ha mai restituito quei debiti, soldi ricevuti a credito per giocare negli high stakes. Qualcuno ha polemizzato, ritenendo tutto ciò un elemento di vantaggio per Ivey (un conto è giocare con i tuoi soldi ed un altro disporre di moneta virtuale).

Ma sarebbe riduttivo parlare di Ivey in questi termini: ha battuto anche fior di campioni come John Juanda. Vinse contro di lui e Dwan un piatto da $687.024 settando al flop con una coppia di 10, mentre il buon John era intento ad inseguire il suo progetto a colore.

Ivey vinse tutti quei soldi (quasi 20 milioni) nel pre 2011 (molti glieli donò Guy Lalibertè) ma non fu capace di ripetersi su PokerStars dopo quegli anni d’oro.

Questo non vuol dire nulla, No Jerome Home rimane il giocatore più carismatico e vincente a livello tecnico. Pensiamo solo a come ridusse a “brandelli” Andy Beal salvando la Corporation.

Online però rimane questa piccola macchia di non essere riuscito a ripetersi dal post Black Friday.

Il piatto più importante lo vinse contro Isildur1 su FTP. Verrebbe da dire: contro chi poteva vincerlo se non Bloom? Solo un “pazzo” nel 2009 poteva mettere certe cifre al centro del tavolo contro quello che era riconosciuto il giocatore più forte al mondo in quegli anni.  Eppure lo svedese aveva vinto parecchi milioni in quei giorni, spillandoli a tutti i top reg di Full Tilt, lasciando il mondo del poker a bocca aperta per il gioco molto aggressivo e spettacolare. Ivey lo aspettò al varco.

Phil e Viktor stavano giocando ai limiti 500$/1.000$ PLO e lo svedese perse $832.940.50. In questo articolo vi abbiamo raccontato la mano nel dettaglio.

 

Sapete qual è il piatto più grosso vinto da Phil Ivey nel cash game online? Contro Isildur1…

Patrik Antonius $17.031.601

Dietro ad Ivey, in questa speciale classifica, un altro mostro sacro come Patrik Antonius che non ha bisogno di presentazioni e che è riconosciuto come il giocatore più vincente della storia moderna degli high stakes online.

Antonius, rispetto ad Ivey, è riuscito a vincere online anche nel post Black Friday: dal 2011 al 2015 ha comunque incassato più di 3 milioni di dollari ai tavoli online. Con i suoi due account Patrik Antonius (lo usava durante il periodo di sponsorizzazione) e FindDaGrind è rimasto in attivo per oltre 17 milioni.

Il piatto più grande anche lui l’ha vinto in una sessione di PLO, indovinate contro chi? Sempre Viktor Blom, il ragazzino svedese che aveva castigato tutti nel 2009 e non esitava a metterle tutte in gioco. E’ dura però contro marpioni come il bel Antonius. Un’altra delle sessioni storiche Omaha PL 100/200.

Il finlandese vinse un pot pazzesco da $1.356.947, passato alla storia. Come detto cifre folli scommesse dai giocatori più forti di tutti i tempi.

Condividiamo con voi le cronache del 2009:

Patrik Antonius, suo il piatto più ricco del poker online

Antonius si ripetè in quei giorni magici per lui e per Full Tilt.

Antonius infinito: altro piatto record online, da 1.35 milioni di $

Come Ivey anche il buon Patrik negli ultimi anni – dal 2015 in poi – ha faticato ad imporre la sua legge contro la new generation, giocatori molto forti, preparati e specializzati. Non a caso il player nordico si è ritirato dalla scena nel momento giusto contro tutti gli specialisti. Una giungla. Meglio godersi i soldi nella residenza monegasca e partecipare a qualche partita live esclusiva.

Ai tempi di Full Tilt, i terreni di scontro erano molteplici ed i top players si destreggiavano in molte varianti.

Dan ‘Jungleman12’ Cates $10.270.847

Il terzo più importante vincitore è Dan ‘Jungleman12′ Cates che è diventato famoso poco più di un anno prima dell’implosione di FTP.

L’uomo della giungla finse in 12 mesi (tutto il 2010 e pochi mesi del 2011) oltre 6,6 milioni di dollari. E’ stato capace di distruggere Tom Dwan nella Durrrr Challenge (sfida mai finita per colpa dello stesso Dwan). Per quasi 2 anni ha sudato freddo per via dei problemi finanziari di Ferguson e soci ma una volta che PokerStars ha acquistato Full Tilt e ripristinato il suo bankroll, Dan Cates ha continuato a vincere implacabile sia su FTP che sulla room della picca rossa.

Dan Cates: “Durrrr Challenge? Dwan mi ha pagato $700.000 per i ritardi, nel 2018 finiamo”

Ben ‘Bttech86’ Tollerene $7.499.323

Ben rappresenta forse la favola del sogno americano, del poker texano. Depositò 500 dollari sulla red room per uscirne con le tasche piene (quasi 7,5 milioni secondo il traking di HighStakesDB). Profitto maturato su oltre 280mila mani giocate ai livelli più alti.

Tollerene appartiene alla generazione dei grinder talentuosi post black friday, specializzato nel PLO,. Anche lui può vantarsi di aver vinto il piatto più importante contro Isildur1. L’aspetto strano è che l’ha vinto nel NLHE (limiti 400/800) dopo aver chiuso scala al turn per 300mila dollari.

La mano è da estrapolare in un contesto particolare. I due diedero vita alla sfida che fece parlare tutti nel 2013, quando Viktor e Ben si scannarono in heads-up sia in NLHE che PLO arrivando a giocare a limiti proibitivi per gli umani ($500/$1000).

Ben Tollerene e un incredibile 3-way pot con Isildur1 e Samrostan

Di ‘Urindanger’ Dang $7.411.126

‘Urindanger’ è il giocatori di origini asiatiche più vincente degli high stakes di FTP. Insieme al fratello (Hac) è stato un punto di riferimento del field pre 2011. Ha vinto dal 2007 al 2011 oltre 7,4 milioni di dollari in 680mila mani, per lo più nel Pot Limit Omaha.

E’ stato per 5 anni uno dei protagonisti e Guy Laliberte una delle sue vittime preferite. E’ famoso per aver vinto una mano pazzesca contro Tom Dwan per $723.941 (per quegli anni un record nel NLHE). Tavolo 6-max con presenti oltre a durrrr anche John Juanda, Gus Hansen e il ricco canadese. Coppia d’assi per Dang e KK per durrrr che non si tirò indietro e fu asfaltato dal cooler.

Questi erano i sanguinosi giochi High Stakes Poker di Full Tilt.

Cash game: Di ‘Urindanger’ Dang vola con Dwan a Macao

NOTA BENE non fatevi fuorviare dalle cifre in ballo in questo articolo, sono state scommesse da persone molto ricche (con bankroll milionari). Giocate in modo responsabile e solo per divertimento, usando la testa. Il poker deve essere solo un divertimento.