Vai al contenuto

Disastro a Macao: le restrizioni mettono in ginocchio i Casino. Las Vegas torna la capitale del gioco d’azzardo

Disastro a Macao. Che il Covid avesse messo in ginocchio una buona parte delle imprese di tutto il mondo, era cosa risaputa. La cartina di tornasole di una situazione che non accenna a scemare, è data dai catastrofici dati che arrivano da una delle capitali del gioco d’azzardo, Macao.

Tutti in ginocchio, disastro a Macao

Secondo alcuni siti di riferimento che si occupano della situazione delle Case da Gioco di tutto il mondo, è il periodo più brutto dall’anno dei record 2009.

I dati arrivano dalla Gaming Inspection and Coordinator Bureau, che ha riscontrato una emorragia di entrate e flussi di cassa lordi che ha toccato il 98% in meno rispetto al periodo d’oro dei Casino del posto.

A Macao la situazione è diventata catastrofica non più di un mese fa, quando la pandemia ha raggiunto e superato ancora una volta i livelli di emergenza. Il governo ha deciso di chiudere tutto per un paio di settimane scarse e alla riapertura del 23 luglio, è stato il deserto.

Mancano i turisti

La ragione è ovviamente la quasi totale assenza di turisti, vera linfa vitale delle entrate dei Casino.

Il problema principale è il fatto che le politiche restrittive imposte dal governo cinese che ha istituito una sorta di blocco turistico che vieta di entrare a Macao persone che non presentano un tampone negativo, non fa presagire un futuro roseo, tutt’altro.

Nella giornata di martedì hanno ripreso anche alcune attività come ristoranti e palestre, ma le nuove restrizioni in fatto di controlli e distanziamento, non aiutano. Anzi.

La verità è che in questo momento non c’è nessuno a Macao“, ha affermato Vitaly Umansky, analista di Sanford C. Bernstein. “Sei bloccato in questa situazione zero Covid, in cui non è chiaro se e quando il governo farà effettivamente qualcosa al riguardo

Ci vorranno settimane, forse mesi

Secondo gli analisti, a quanto scrive un sito importantissimo del settore come yogonet.com, ci vorranno settimane. Peraltro mancherà la fiducia dei clienti verso il Casino. Il settore vive di dinamiche molto diverse rispetto a quelle che governano altri comparti economici.

Scopri tutti i bonus di benvenuto

Ci sono voci piuttosto fondate, come quella di altri analisti piuttosto seguiti, che prevedono una nuova primavera per le case da gioco di Macao, non prima del primo trimestre del prossimo anno, con una leggera, quasi impercettibile ripresa tra il terzo e il quarto trimestre di quest’anno.

Disastro a Macao: Las Vegas torna in testa

Questa situazione ha permesso a Las Vegas di tornare ad essere, dopo anni, la capitale del gioco d’azzardo.

Se da una parte alcuni operatori di casinò a Macao non hanno ancora riportato i loro risultati, gli analisti contattati da Bloomberg hanno stimato che il settore potrebbe vedere una perdita combinata di circa $ 500 milioni nell’ultimo trimestre.

Nei primi sei mesi di quest’anno, la città ha registrato 3,3 miliardi di dollari di entrate da gioco, rispetto ai 4 miliardi di dollari della Strip di Las Vegas. Prima della pandemia, il mercato del gioco d’azzardo del territorio cinese era sei volte più grande della popolare città del Nevada.

Homepage: courtesy yogonet.com

COMPARAZIONE GIOCHI
"C'è chi pensa che sia impossibile prendere parte a tutti i tavoli finali dei tornei a cui si partecipa. Questo è vero per tutti. Tranne per chi li racconta".