Vai al contenuto

Robert De Niro apre casinò ad Antigua per 250 milioni di dollari

Robert De Niro dopo aver interpretato il mitico “Asso” in Casinò (la celebre pellicola di Martin Scorsese) da anni coltiva il sogno di possedere una sala da gioco tutta sua. Nel 2016, finalmente dalla finzione passa alla realtà perché la stella di Hollywood sarà presto proprietario di un mega resort casinò.

La location prescelta non sarà Las Vegas, ma un paradiso tropicale: Antigua e Barbuda. Il progetto prevede un investimento complessivo di 250 milioni di dollari.

robert-de-niro-casino-670

Il suo socio nell’affare è James Packer, uno dei businessman australiani più ricchi e famosi, proprietario di un impero nel gioco d’azzardo tra l’Oceania e Macao, con la catena Crown Resort.

Il progetto stava per andare in fumo a causa dei ritardi da parte del governo locale che però alla fine si è deciso, nel timore di perdere investitori del calibro di Packer e De Niro. E’ stata una trattativa lunga ma alla fine l’attore e il suo ricco socio sono riusciti a strappare condizioni favorevoli, ad iniziare da un’esenzione fiscale di 25 anni.

Bonus casinò
Scopri tutti i bonus di benvenuto

Il paese vuole attirare investimenti importanti da parte delle celebrità statunitensi e non solo.

Secondo il tabloid economico Australian Business Review, Packer e De Niro sono soci anche in altri affari: insieme controllano la catena mondiale Nobu (ristorazione). Di recente, l’australiano ha acquistato il 20% della creatura fondata da De Niro.

Packer è pronto a sbarcare anche a Las Vegas: ha appena comprato un terreno a Sin City, pagandolo 260 milioni di dollari. L’obiettivo è quello di aprire una nuova sala da gioco sotto il famoso brand Crown.

Giornalista e consulente nel settore dei giochi da più di due decenni, dal 2010 lavora per Assopoker, la sua seconda famiglia. Ama il texas hold'em e il trading sportivo. Ha "sprecato" gli ultimi 20 anni della sua vita nello studio dei sistemi regolatori e fiscali delle scommesse e del gioco online/live in tutto il Mondo. Editor in Chief.