Gioco legale e responsabile

News

Maria Lampropulos in esclusiva: “dall’IBM alla vittoria nel Main PCA, la mia storia”

Intervista esclusiva da Barcellona con Maria Lampropulos capace di vincere il PartyPoker Millions e il Main event PCA in meno di un anno.

Scritto da
30/04/2018 18:15

4.374


di Stefano Atzei

Barcellona – Si è sempre parlato di lei in terza persona, nonostante i risultati strabilianti ottenuti in questi anni. Maria Lampropulos, compagna del noto high roller Ivan Luca, si è messa in mostra lo scorso anno vincendo il Millions in quel di Nottingham per un milione tondo tondo. A gennaio ha centrato un’altra incredibile vittoria al Main Event PCA, incassando un altro milioncino e affermandosi definitivamente come rivelazione nella scena pokeristica internazionale.

Maria Lampropulos racconta la sua storia ad Assopoker

Cogliamo l’occasione di scambiarci quattro chiacchiere a Barcellona, dopo averla vista impegnata ai tavoli per diversi giorni purtroppo senza grandi risultati.

Dopo la vittoria del primo Main a Nottingham avevi dichiarato di non sentirti una giocatrice a tutti gli effetti. A distanza di un anno e dopo i recenti successi, hai cambiato idea?

Se devo dir la verità non mi sento ancora una giocatrice al 100%. Ho tanto da imparare sebbene il poker mi piaccia tantissimo e mi diverta a giocare.

Cosa facevi prima di buttarti in questa avventura in giro per il mondo?

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

Lavoravo per IBM, nella sezione mobile. Non avevo una routine d’ufficio ma potevo lavorare da qualsiasi posto, finché non ho conosciuto Ivan e abbiamo cominciato a viaggiare assieme. All’inizio mi divertivo solo a seguirlo, poi lui mi ha incoraggiato a giocare e ho cominciato. Piccoli tornei live, di tanto in tanto, e qualche partita online giusto per fare un po’ di pratica.

Avete mai giocato assieme in heads-up col tuo ragazzo dopo il testa a testa al Main Event dell’Eureka Poker Tour?

No, l’ho pregato un sacco di volte ma non ha mai voluto!

A proposito, ti vediamo sempre con lui tranne stavolta…

Non sta giocando molto recentemente, si vuole rilassare e preferisce fare una pausa. Ora si trova in Sudamerica e gioca online mentre io preferisco il live.

Com’è trovarsi qua da sola, in un ambiente dove la componente maschile è preponderante?

E’ strano perché è vero che le donne sono in minoranza ma allo stesso tempo conosco tanti giocatori e mi sento come a casa. Poi ho tante amiche tra le giocatrici quindi non soffro troppo la solitudine.

Hai mai pensato di dare più spazio ai social oltre al gioco?

Sinceramente no, anche se ne riconosco l’importanza, specialmente per gli sponsor. In generale non sono una persona molto social, non ho Twitter, Facebook e Instagram, mi piace stare con la gente ma non smanio per scrivere e raccontare agli altri quello che ho fatto. Per un ventenne magari è normale, ma non per me.

 

CONFRONTO BONUS CASINO'

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui casinò online italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i concessionari sono mostrati a rotazione casuale.

Finalmente 888, la seconda Poker Room online a livello mondiale è arrivata in Italia. Registrati subito! Per te un Bonus immediato di 8 euro senza deposito e Freeroll giornalieri da 5000 euro.

Com’è passare da un lavoro canonico a fare la poker pro?

Il cambiamento è enorme, anche se non ho mai avuto un vero e proprio 9 to 5. Mi sono laureata in business management a Buenos Aires e ho lavorato solamente per pochi anni. Certo, passare dal dover rendere conto a un boss per qualsiasi cosa a non avere limiti e un bel salto!

Quali sono i giocatori che stimi di più nella scena internazionale?

Ce ne sono tantissimi, da David Peters che considero un giocatore completo a Fedor Holz, che è proprio di un altro pianeta. Musta? Sì, è bravissimo anche lui e poi scherza sempre al tavolo ed è divertente. Tra le giocatrici Kristen Bicknell, con cui siamo testa a testa alla GPI, è la migliore al momento.

Hai dei fan dalle tue parti, in Argentina?

E’ un po’ imbarazzante ma sì, ce ne sono! Vi racconto una cosa che mi è capitata di recente: mi trovavo a Buenos Aires e stavo camminando per strada quando una coppia comincia a fissarmi. Lì per lì non ho dato peso alla cosa, anche perché non mi sembrava di conoscere nessuno dei due, finché il ragazzo comincia a fissarmi e si avvicina verso di me, allontanandosi dalla ragazza: ‘Ma tu sei Maria?’ ‘Sì…’ rispondo, ‘Posso farmi una foto con te?’ E’ molto strano trovare degli ammiratori o persone che ti fanno i complimenti e ti chiedono un autografo o una foto, è successo anche l’altro giorno qui a Barcellona: eravamo tra amici e un ragazzo che stava con noi mi ha chiesto di farsi una foto. Pensavo stesse scherzando, invece diceva sul serio!

Pensi di continuare a giocare in futuro o hai altri progetti?

Sì, giocherò ancora. Mi piace e mi diverto, non vedo perché smettere ora. La scena high roller? Al momento è un livello troppo alto per me, ma giocherò sicuramente quello delle Bahamas il prossimo gennaio. Il field sarà più morbido là rispetto a quello abituale.

Cosa diresti per convincere altre donne a giocare a poker?

Rispondo come ho fatto in una recente intervista. Penso che, come predisposizione naturale, le donne siano portate ad avere una grande empatia e questo nel poker live è un vantaggio. Anche tanti uomini posso vantare una gran sensibilità, ma le donne dovrebbero sfruttare meglio questa carta e mettersi in gioco!