Gioco legale e responsabile

Non solo Poker

L’uomo che ha sbancato la lotteria comprando (quasi) tutti i biglietti in circolazione

Nel 1992, Anithalee Alex vinse il primo premio della lotteria della Virginia acquistando quasi tutte le possibili combinazioni di numeri vincenti. Per riuscire nell’impresa, l’uomo dovette orchestrare un meccanismo complesso, oliato ed efficace, il tutto con tempistiche molto ristrette.

Scritto da
18/05/2020 15:00

11.396


7.059.052 possibili combinazioni per vincere alla lotteria. Un’impresa praticamente impossibile, a patto di fare come Anithalee Alex, proprietario di una compagnia petrolifera dell’Illinois, che nel 1992 decise che alla lotteria della Virginia State Lottery non voleva solo provare a vincere: doveva vincere.

Così, non fece altro che acquistare tutti i biglietti in circolazione, o quantomeno questa era la sua idea. Non ci riuscì per poco, rimanendo pericolosamente scoperto, ma alla fine uscirono i numeri in suo possesso e mise le mani sul primo premio da 27 milioni di dollari.

 

Lotteria biglietti

Il promotore del sistema era un businessman nel campo del petrolio

 

Lo schema in azione

Se il concetto sembra semplice, la sua applicazione non lo è affatto. Il meccanismo messo in piedi da Anithalee Alex fu molto complesso e costosissimo (circa 5 milioni di dollari) e neppure ben visto dalle autorità, che non a caso indagarono parecchio sulla vicenda.

Ad ogni modo, sembra che il businessman organizzò una sorta di sindacato di investitori, istruendo un team di persone affinché compilassero a mano 1,4 milioni di biglietti della lotteria, contenente ciascuno fino a cinque permutazioni di sei numeri tra 1 e 44.

Per coprire tutto lo stato della Virginia, Alex utilizzò un enorme rete di corrieri, per acquistare e consegnare i biglietti in 8 catene di negozi, per un totale di 125 esercizi commerciali. Per farlo, ha dovuto acquistare i biglietti della lotteria tra il 13 febbraio e le 23.15 del 15 febbraio.

Un intoppo non da poco

Una delle 8 catene di negozi, però, spiegò ai corrieri di Anithalee di aver già venduto 2,4 milioni di combinazioni ad un uomo. Inoltre, nonostante l’enorme sforzo organizzativo messo in pratica, gli uomini del petroliere non riuscirono a coprire tutte le combinazioni prima della scadenza.

Questo lasciava Alex scoperto di una serie di numeri per i quali non aveva tutte le combinazioni. L’uomo rischiava dunque di aver speso 5 milioni di dollari senza avere alcuna garanzia di vittoria.

I numeri vincenti della lotteria

8, 11, 13, 15, 19 e 20. Questa fu la combinazione vincente della lotteria della Virginia nel 1992 e sì, Alex ce l’aveva fatta: tra i suoi biglietti c’era anche quello del primo premio.

CONFRONTO BONUS CASINO'

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui casinò online italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i concessionari sono mostrati a rotazione casuale.

Quando due degli investitori, gli australiani Jozeph Franck e Robert Hans Roos, si presentarono al quartier generale della lotteria di stato a Richmond, per reclamare la vincita, il direttore Kenneth Thorson frenò gli entusiasmi.

A quanto pare, c’era una regola che prevedeva che i biglietti avrebbero dovuto essere acquistati di persona e in denaro contante, mentre quello specifico biglietto vincente era stato acquistato tramite assegno.

Alla fine però il premio fu pagato lo stesso e i 2.500 membri del sindacato di investitori, passato alla storia come il Lowe Lippmann Nominees, poterono così iniziare a incassare il proprio assegno da 400 dollari l’anno per 20 anni.

 

“Un sistema pericoloso”

Anithalee Alex avrebbe utilizzato un sistema studiato da Stefan Mandel, agente assicurativo australiano nonché ‘matematico delle lotterie’ autodidatta.

Mandel afferma che il suo sistema lo aiutò a coprire tutte le combinazioni di una lotteria di Sydney dal 1986, vincendo 1,1 milioni di dollari australiani, oltre a permettergli di sbancare in un’altra dozzina di lotterie di tutto il mondo.

Tuttavia, il professor Hyam Rubinstein, capo del dipartimento di matematica alla University of Melbourne, dopo aver analizzato il sistema di Mandel sentenzio: “Può produrre una grossa vincita, ma è più probabile che in generale il sistema finisca per perdere.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento