Vai al contenuto

Mystery Bounty: il potere della contrattazione in sede di Deal

Una delle parti più curiose e divertenti di un torneo, è la sua coda che fa capo, quando si presentano le condizioni, agli accordi tra i sopravvissuti che si presentano al rush finale con un congruo numero di Bui.

L’arte diplomatica in un frangente come questo, è certamente un punto a favore di chi la sa utilizzare, ma con gli strumenti che la tecnologia propone, vi è spesso poco da discutere, le cifre sono quelle, se accetti bene, se non accetti, let’s play.

Ma con il nuovo format del Mystery Bounty, le dinamiche cambiano in questo senso, visto che chi si presenta da short stack nell’eventuale trattativa, per acquisire la maggior parte della torta possibile, può contare in un margine superiore per via di potenziali taglie già conquistate nel corso del torneo, che lo mettono in condizione di poter mettere qualche paletto in più a favore della propria condizione.

Il caso del WPT Rolling Thunder

L’occasione per parlare di questa particolare forma di accordo, ce la dà Pokernews, che ha scovato una rarissima forma di accordo dal quale era piuttosto difficile trovare il bandolo della matassa e dirimere la questione.

Siamo al World Poker Tour (WPT) Rolling Thunder Championship al Thunder Valley Casino Resort, che ha conquistato la copertura mediatica nel nord della California questa settimana.

Il torneo del quale vogliamo parlarvi è il Bounty Confidential da $1.500, che si è concluso lunedì notte al termine di un accordo raggiunto dagli ultimi tre sopravvissuti, Nick Pupillo, Tony Ma ed Elias Travis.

Con ogni probabilità avrete sentito parlare dei primi due, professionisti affermati al tavolo da poker, mentre Travis, con i suoi $68.000 certificati da Hendonmob, figurava come il meni conosciuto e decorato, tra i tre.

La situazione in chips

Il chipleader provvisorio, nel momento in cui i tre hanno cominciato a pensare ad un accordo, era proprio Travis, che giocava con uno stack imponente di 2,3 milioni a T20.000, seguito da Ma con 950.000 e Pupillo con 650.000.

Da notare immediatamente che se è vero come è vero che il CL giocava con oltre 100x, è altrettanto vero che il fanalino di coda dei 3, Pupillo, poteva contare su un monte gettoni non proprio indifferente, 30x abbondanti.

Il primo premio era fissato in $25.000, il più alto di un montepremi di $144.050 e in una trattativa normale, il deal avrebbe premiato Pupillo con $17.000, $4.000 in più rispetto al valore del terzo posto, ma essa si è protratta per le lunghe.

Pupillo conosce benissimo il valore di 30 BB in un 3way e non aveva nessuna intenzione di mettere la firma sotto un accordo di questo tipo.

Travis convinto sulla bontà dell’accordo

Il più convinto della conclusione dell’accordo, era Travis, che aveva già proposto un deal qualche eliminazione prima e, dopo le titubanze di Pupillo, che continuava a mettere sotto la lente di ingrandimento la possibilità di raddoppiare e porsi in una posizione di vantaggio tra i tre, per cui un deal per ICM puro non sarebbe stato per lui profittevole, doveva scontrarsi con un’altra dinamica.

Scopri tutti i bonus di benvenuto

Pupillo aveva già conquistato durante il suo cammino, taglie del valore di $15.000, che da sole rappresentavano una cifra superiore al terzo posto come da PayOut.

Ciò significava che non si sarebbe accontentato di $4.000 in più per lasciare la compagnia e per via dei soldi già intascati con i Mystery Bounty, il potere di contrattazione in questo deal, era decisamente maggiore rispetto a qualsiasi altro deal facente capo ad un altro format.

Inoltre c’era il problema dei $31.000 in Bounty misteriosi da consegnare ancora e in questo caso Travis diceva che la parte maggiore di questo valore, doveva essergli riconosciuta per via del peso specifico del suo stack, unico a poter eliminare entrambi gli avversari.

“Non ne hai nemmeno abbastanza per mettere fuori combattimento qualcuno. Quindi, $25.000 sarebbe la cifra massima che sarei disposto a offrirti, ed è più che generoso. Si tratta di quasi un terzo della taglia”, ha detto Travis a Pupillo.

Alla fine l’ICM ha riguardato anche i $31.000 delle taglie, mettendo così i tre in condizione di siglare un accordo che prevedeva Travis prendere la cifra più grossa pari a $35.000, Ma mettere in tasca $29.940 e Pupillo ricevere $27.700, qualcosa in più rispetto alla cifra offerta da Travis.

Il più contento era quindi Pupillo che, grazie alle taglie conquistate il precedenza, risultava il giocatore con la vincita migliore.

Foto Homepage: Nick Pupillo Courtesy pokernews & Rachel Kay Miller

"C'è chi pensa che sia impossibile prendere parte a tutti i tavoli finali dei tornei a cui si partecipa. Questo è vero per tutti. Tranne per chi li racconta".
MIGLIORA IL TUO POKER CON I NOSTRI CONSIGLI