Gioco legale e responsabile

Come pensano i Pro

Patrick Leonard: lavorare sodo paga sempre, anche e soprattutto nel poker

Un giocatore che quando parla dice sempre cose mai banali che aiutano ogni volta a mettere un punto esclamativo su ogni argomento. Lui è Patrick Leonard

Scritto da
09/10/2020 12:47

997


Patrick Leonard

Patrick Leonard

Quando Patrick Leonard entra nel merito di argomenti che fanno capo al poker, è sicuro che l’interesse verso le sue parole aumenta a dismisura.

In questo pezzo, che il campione ha scritto per il blog di partypoker, ci parla dei suoi inizi e, soprattutto di come il lavoro duro non tradisce mai.

CONSULTA OGNI GIORNO IL NOSTRO CALENDARIO DEI TORNEI ONLINE: CLICCA QUI

Patrick Leonard: da dove arriva il mio successo

Molti mi chiedono da dove arriva il segreto del mio successo nel poker. In realtà sono solo un ragazzo semplice, ma molto testardo. 

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

Non sono nato genio, sono nato in una città popolata dalla classe operaia, precedentemente spogliata della speranza da un governo senza speranza, giunto dopo uno stesso governo senza speranza. 

Fin da quando sono nato, la mia vita era programmata per andare a scuola, ottenere un apprendistato e lavorare per qualcun altro prima e per me stesso poi, prima di andare in pensione, proprio come tutte le mie generazioni precedenti. 

Il modo in cui le generazioni lavorano effettivamente è che (in teoria) dovrebbero migliorare attraverso l’apprendimento da ogni genitore in virtù di insegnamenti positivi e negativi. 

Il lavoro duro

Dal primo giorno i miei mi hanno instillato la concezione di un duro lavoro, come unica chiave per arrivare. 

Quando altri bambini giocavano a calcio una volta alla settimana io giocavo 6 volte alla settimana. Altri ragazzi erano calciatori più alti, più forti, più naturali, ma attraverso il lavoro sono riuscito a scavalcarli.

Con il poker è stato molto simile.

All’inizio mi recavo agli home games, o se preferite alle partite casalinghe dei miei amici, ero di gran lunga il peggior giocatore, sia tecnicamente che per scelte fatte. 

Ma andava bene così. Sono andato via, ho imparato il modo per riuscire a batterli, sono tornato dopo un lavoro duro e appassionato e ho imparato a batterli e a vincere. 

Il poker live e quello online

Sono andato nel mio Casinò locale e sono stato eliminato in 2 mani, mi hanno chiesto “se avessi voluto fare un rebuy” e ho detto assolutamente di no. 

Sono andato via, mi sono chiuso al computer e in biblioteca e ho imparato a vincere, sono tornato al Casinò e ho cominciato a fare bene. 

Frustrato dalla mancanza di mani che stavamo giocando e dal ritmo piuttosto lento del mio miglioramento sono andato a scoprire il mondo dell’online. 

Stessa storia, pensavo fosse fuori dalla mia portata e non è stato facile per me. Ho letto e poi scritto decine di migliaia di post sui forum di poker e alla fine sono tornato vincitore, in seguito sarei diventato il numero 1 al mondo.

Il lavoro è l’unico modo per arrivare senza scorciatoie.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento