Gioco legale e responsabile

Business

Poker live, ci risiamo! Blitz in una sala durante un torneo, segnalati 66 giocatori alla magistratura

In Puglia la polizia sospende un torneo di poker live in una sala privata: sono stati identificati 66 giocatori impegnati ai tavoli. Si riparte con la querelle sulla legittimità degli eventi dal vivo in location prive di concessioni e licenze.

Scritto da
02/07/2020 17:03

5.198


 

Ci risiamo! Un blitz della polizia ad Ostuni, in provincia di Brindisi, ha riaperto l’antica querelle sulla legittimità dei tornei di poker live nei circoli senza concessione.

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

Le forze dell’ordine hanno identificato 66 players durante – scrive il Corriere del Mezzogiorno – un torneo in una “una sala giochi nel centro della città bianca dove è stata accertata una massiccia attività di tornei di poker”.

E’ stata contestata l’ “assenza della necessaria concessione”. Però il regolamento ed il bando di gara (previsti nelle leggi del 2009 e del 2011) non sono  mai stati pubblicati, rendendo impossibile la strada ai circoli per un’autorizzazione da parte dello Stato.

Nelle more del vuoto “regolamentare”, si è inserita la magistratura che ha disciplinato il settore del poker live.

La Corte di Cassazione ha regolamentato il poker live

Come noto, la giurisprudenza (oramai consolidata) della Corte di Cassazione consente l’organizzazione e la partecipazione ai tornei nei circoli (senza alcuna preventiva autorizzazione) ma entro determinati limiti.

Il confine tra skill game e gioco d’azzardo è molto labile ma ben definito dai giudici della Suprema Corte.

Bisogna capire se nel caso di specie si stava trattando di tornei con struttura freezeout e low buy-in (senza alcuni rebuy). Le cronache locali non fanno riferimento a partite di cash game (gioco assolutamente vietato dal Codice Penale).

Aspettiamo di leggere le motivazioni di eventuali provvedimenti. Al momento, è stata sospesa la licenza commerciale dell’esercizio (sala giochi) ed i nomi dei giocatori sono stati segnalati alla Procura della Repubblica di Brindisi per una preliminare valutazione di una eventuale responsabilità penale di organizzatori e players.

 

Tag:

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento