Gioco legale e responsabile

Business

Poker online a maggio sprofonda il cash game (- 10%) senza condivisa: PokerStars leader di mercato, People’s secondo

Pubblicati i dati su spesa e raccolta di maggio: il cash game mostra una flessione annuale preoccupante ma di liquidità condivisa non se ne parla...

Scritto da
07/06/2019 17:55

2.298


Non hanno voluto la liquidità condivisa ma il mercato del poker online italiano non arresta la sua crisi e molte piattaforme (le più piccole) iniziano a non essere più in grado di offrire action a certi livelli nel cash game, i cui margini sono diminuiti più di 10 punti percentuali se teniamo conto della spesa dall’1 gennaio fino alla fine del mese di maggio. Una situazione drammatica per il nostro settore ma che tutto vogliono ignorare, considerando le belle performance dei casinò online.

Up l’online (+13%) decrescita infelice per il poker

Il gioco online in Italia, nonostante i numeri in decrescita del poker, continua a vedere una spesa in aumento del 13% grazie ai casinò online. Sommata la spesa con il poker online si arriva a 81,2 milioni a maggio 2019 secondo le stime elaborate da Gioconews.

La spesa annuale cresce nei casinò games del 18,2% mentre quella del mese di maggio (confrontando sempre lo stesso periodo del 2018) segna un +22%.

La spesa e raccolta nel poker

A maggio i poker tournaments hanno registrato un margine lordo per poco più di €6,2 milioni (-3%) e del 2% per la spesa annuale (€36,5 milioni). La raccolta è stata di circa €71,9 milioni con vincite dei giocatori per €65,6 milioni.

Male il cash game come abbiamo detto: a maggio -8% e da inizio anno il calo è stato superiore al 10% rispetto ad un 2018 già disastroso di suo. Il 2019 è riuscito a far peggio. Senza liquidità condivisa è palese la migrazione all’estero dei giocatori high roller. I volumi nel cash sono arrivati a €171,6 milioni (con una spesa di circa 5 milioni, con 166 milioni restituiti ai giocatori).

Nel cash game cresce lievemente la quota di mercato di PokerStars che rimane leader, People’s poker è la seconda piattaforma. Ecco le principali quote di mercato nel mercato cash di alcuni operatori:

  • POKERSTARS 42,43%
  • SISAL ENTERTAINMENT S.P.A. 6,58%
  • SNAITECH S.P.A. 6,34%
  • 888POKER 4,90%
  • MULTIGIOCO S.R.L. (NEWGIOCO) 3,53%
  • EUROBET ITALIA SRL 3,12%

Le quote di mercato nei tornei online (compresi i sit e gli Spin and Go):

  • POKERSTARS 58,98%
  • SISAL ENTERTAINMENT S.P.A. 7,56%
  • SNAITECH S.P.A. 6,79%
  • EUROBET ITALIA SRL 4,01%
  • 888POKER 0,85%

Le quote di mercato di People’s Poker

Microgame ha pubblicato i dati relativi al Network di People’s Poker:

Per quanto riguarda la spesa complessiva del settore online, i concessionari di Microgame rappresentano l’ 8,7% del totale.

Il cash game registra una quota di mercato del 15,6%, risultando quindi la seconda piattaforma italiana.

Per i tornei, People’s Poker rappresenta il 7,7% della spesa di maggio. Per i casinò invece l’8,44%.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento