Vai al contenuto
andybloch

Blackjack: contare le carte è legale? Si, ma…. Quando Andy Bloch fu arrestato a Montecarlo

“Contare le carte è legale?” …. è una domanda ricorrente che molti lettori ci rivolgono. Chi ci segue sa che più volte abbiamo ribadito 4 concetti nel merito che vado a sintetizzare:

  1. Nella maggior parte delle giurisdizioni è lecito al 100%
  2. Contare le carte è un esercizio molto difficile, pericoloso per il bankroll dei giocatori perché richiede esperienza e notevoli capacità. La maggior parte dei counter improvvisati perde.
  3. Oltre ad essere in possesso di queste doti non comuni, dovete essere baciati dalla buona stella. Se contate le carte in maniera corretta (non semplice), avete comunque un vantaggio esiguo sul banco (c’è chi dice il 2% ma realisticamente l’edge varia dall0 0.5% all’1,5%). Logico che nel lungo periodo questo vantaggio percentuale è importante, ma nel breve avete bisogno di una run favorevole e di un budget consistente.
  4. La reazione dei casinò non sarà mai benevola e nella maggior parte dei casi vi banneranno all’istante.
21-film
Una scena tratta dal film 21 dedicato alle imprese (reali) dal team di carte di carte che ha messo in ginocchio i casinò di Las Vegas

Proprio su quest’ultimo aspetto ci vogliamo focalizzare. A Las Vegas come in Europa, contare le carte è permesso dalla legge, però le sale da gioco, se vi scoprono (è solo questione di tempo…) non vi permetteranno mai più di rientrare. Diventerete il pericolo numero uno e sarete inseriti in una blacklist.

Possiamo parlare per giorni sulla legittimità etica o meno dell’atteggiamento dei casinò che vogliono sempre avere un vantaggio percentuale sul giocatore e non accettano il contrario. Una testimonianza interessante è quella di Andy Bloch, giocatore texano professionista di poker, in passato membro del mitico Team del MIT (Massachusetts Institute of Technology): alle imprese di Andy e dei suoi amici  si è ispirato Hollywood con il film “21”.

Andy Bloch è critico naturalmente su questo potere incontrollato delle sale da gioco nei confronti dei gamblers: “la nostra capacità di pensare è quello che realmente ci rende umani e ci differenzia dagli altri animali. Quando cacci qualcuno dal lavoro o da una location, solo perché quella persona sta esercitando la propria capacità di pensare, per me questo è una violazione dei diritti civili”.

Passiamo però dalla filosofia ai fatti concreti. In genere i responsabili della sicurezza come reagiscono? Esistono varie leggende metropolitane al riguardo. Una cosa è certa: se il casinò vi pizzica non può denunciarvi. Ma a volte, i responsabili della sicurezza ed i manager ricorrono ad alcuni trucchetti.

Bloch è stato interdetto dalla maggior parte dei casinò di Las Vegas ma l’esperienza più brutta l’ha vissuta a Montecarlo:“avevamo guadagnato molti soldi ma poi la fortuna è finita perché ci hanno individuato e preso. Siamo stati sbattuti fuori dal casinò in malo modo e abbiamo subito diverse ore di interrogatorio. Quando mi hanno perquisito l’auto, ero consapevole che avrebbero piazzato delle prove compromettenti ed infatti ci hanno arrestato. Ci hanno poi rilasciato ma è stata dura: è stato spaventoso perché non sapevamo fino a che punto erano disposti ad arrivare. Quando tutto è finito, eravamo consapevoli di averci messo alle spalle solo una bella storia da raccontare ai nipotini…”.

Bonus casinò
Scopri tutti i bonus di benvenuto

Quello di Bloch non è un caso isolato, ci sono altre storie interessanti che vi racconteremo… Seguiteci!

© riproduzione riservata

“gli articoli di attualità, di carattere economico, politico, religioso, pubblicati nelle riviste o giornali, possono essere liberamente riprodotti in altre riviste o giornali anche radiofonici, se la riproduzione non è stata espressamente riservata, purché si indichino la rivista o il giornale da cui sono tratti, la data e il numero di detta rivista o giornale e il nome dell’autore, se l’articolo è firmato” (art. 65 legge n. 633/1941)
COMPARAZIONE GIOCHI
Editor in Chief Assopoker. Giornalista e consulente nel settore dei giochi da più di due decenni, dal 2010 lavora per Assopoker, la sua seconda famiglia. Ama il texas hold'em e il trading sportivo. Ha "sprecato" gli ultimi 20 anni della sua vita nello studio dei sistemi regolatori e fiscali delle scommesse e del gioco online/live in tutto il Mondo.