Vai al contenuto
bj-al-franceso

La leggenda di “Al Francesco”, The Godfather of Blackjack. Come i suoi team sbancavano i casinò…

Tra le leggende dei tavoli di blackjack non si può non citare un personaggio unico: Frank Schipani, in arte Al Francesco, noto a Vegas anche come Frank Salerno, uno dei membri della Hall of Fame del BJ.

Per molti è stato The Golfather del Blacjkack, per un semplice motivo: è stato lui ad inventare (ed organizzare) le prime squadre di contatori di carte nei casinò. Leggenda vuole che dalla sua mente sia stato creato anche il team più forte di tutti i tempi: quello del MIT. In realtà, le versioni sono contrastanti e non vi è chiarezza sul suo ruolo nella creazione della compagine che ha distrutto i tavoli di Las Vegas e di mezzo mondo. Di sicuro ha contribuito in maniera importante ai successi della squadra universitaria.

bj-al-franceso

Basso profilo

Al Francesco manteneva un basso profilo, ma ci sono pochi dubbi che sia stato lui per primo ad introdurre il sistema delle squadre di counters nei casinò.

Ed è stato lui a scegliere per i suoi team una mente geniale, il leggendario Ken Uston. Forse la forza del “padrino” del BJ è stata sottovalutata proprio perché Uston fu un personaggio più mediatico, mentre Al Francesco puntava più ad agire nell’anonimato.

Non a caso, quando il socio in affari pubblicò il libro “The Big Player” (e pochi anni dopo il famoso  “Million Dollar Blackjack”), Frank Schipani e i suoi ragazzi furono cacciati da tutti i casinò di Las Vegas.

La sua carriera da gambler professionale è partita dalla sua città natale, Garay, in Indiana, dove guadagnava circa 5.000$ dollari l’anno (stiamo parlando degli anni ’60) giocando a ramino (Greek Rummy). Non una fortuna, ma un discreto gruzzoletto che gli consentiva di non lavorare.

Comparazione offerte casino

Casinò Casinò
Extra bonus
Fino al 30 giu 2024
Betway Turbo – 50% in Fun Bonus fino a 200€
La promozione Betway Turbo offre ai giocatori un bonus del 50% sui loro depositi, fino a un limite massimo di 200€
INFO

La promozione Betway Turbo offre ai giocatori un bonus del 50% sui loro depositi, fino a un limite massimo di 200€. Per partecipare, è essenziale richiedere il bonus sulla pagina 'Promozioni' cliccando 'Partecipa' prima di effettuare ogni deposito. Questo passaggio è necessario per ogni ricarica successiva, fino a raggiungere il tetto di 200€ di bonus.

Per accedere a questa offerta, è richiesto un deposito minimo di 10€. Solo i depositi fatti tramite carte di debito o credito, PostePay e Paypal sono validi per questa promozione; altri metodi di deposito non sono considerati idonei. Questa offerta non è cumulabile e rimane attiva ogni settimana da martedì a mercoledì.

Per ottenere il Fun Bonus, il giocatore deve scommettere l'importo depositato almeno una volta sulle Slot. È importante notare che alcune Slot, come specificato nella sezione 'Slot Escluse', non contribuiscono all'ottenimento di Bonus Progressivi. Inoltre, sono esclusi dalla promozione i giochi Jackpot, da Tavolo, il Casinò Live, i Virtuali e le Scommesse Sportive.

Da tenere presente che il Fun Bonus non è prelevabile e deve essere giocato 35 volte il suo valore prima che possa essere convertito in Bonus reale. Questo requisito di giocata garantisce che i fondi possano essere trasformati in bonus effettivamente utilizzabili.

Non sei iscritto?

BONUS DI BENVENUTO

1.500€

Bonus sino a 1.500€ + 400 Free Spins

200€
Casinò Casinò
Free Spin
Fino al 31 dic 2024
Hello Monday
Questa iniziativa prevede, ogni lunedì, la possibilità di ottenere da 10 a 100 giri gratuiti a seguito di una ricarica minima di 20€
INFO

Questa iniziativa prevede, ogni lunedì, la possibilità di ottenere da 10 a 100 giri gratuiti a seguito di una ricarica minima di 20€, utilizzando un codice promozionale specifico. Tale opportunità è disponibile una volta alla settimana, precisamente ogni lunedì, entro i limiti temporali che vanno dalla mezzanotte fino alle 23:59 dello stesso giorno.

Valida fino al termine dell'anno solare del 31 dicembre 2024, questa iniziativa impone un deposito minimo settimanale, da effettuarsi tramite un codice promozionale designato. La ricarica qualificante consente l'accesso alle Free Spin, applicabili esclusivamente a una selezione di giochi predefiniti. La quantità di giri gratuiti ottenibili dipende dall'attività di gioco e dalle ricariche effettuate dal giocatore, con un limite massimo di vincita impostato per le Free Spin.

Le vincite accumulate tramite l'utilizzo delle Free Spin vengono convertite in un Bonus Casinò, soggetto a un requisito di puntata specifico, che deve essere soddisfatto entro 90 giorni dalla data di accredito. La conversione delle vincite in saldo prelevabile varia in funzione del gioco selezionato, in linea con i termini e le condizioni generali che governano l'iniziativa.

Le Free Spin assegnate devono essere utilizzate entro un periodo di 14 giorni dalla loro attivazione, sottolineando che l'uso di tali giri gratuiti non permette di concorrere per i jackpot progressivi disponibili su alcuni giochi. Queste condizioni si pongono come un framework entro cui si muove l'iniziativa, delineando le modalità attraverso cui viene strutturata l'offerta senza sollecitare direttamente alla partecipazione.

Sei già iscritto?

Non sei iscritto?

BONUS DI BENVENUTO

1.000€

20€ FREE + 100% fino a 1.000€

Da 10 a 100 Free Spin ogni lunedì
Casinò Casinò
Extra bonus
Fino al 31 dic 2024
Spin of the day
Ogni giorno lo Spin of the day su PokerStars permette di guadagnare dei gettoni che, a loro volta, potranno essere convertiti a fine settimana in free spin o bonus casino.
INFO

Accedendo al proprio account PokerStars, ogni giorno vi è la possibilità di effettuare gratuitamente un giro di ruota. Questo giro conferirà dei gettoni che - a loro volta - permetteranno di riempire una fila di segnapunti, che andrà completata entro una settimana. Una volta completata quest'ultima, si otterrà una ricompensa sotto forma di free spin o bonus casinò istantanei.

Sei già iscritto?

Non sei iscritto?

BONUS DI BENVENUTO

200€

Bonus del 200% fino a 200€

free spins e bonus casino istantanei
Compara tutte le offerte

Beat the Dealer

Nel 1963 si trasferì in California e fu galeotto il libro “Beat the Dealer” di Ed Thorp. Grazie a questa pubblicazione, il blackjack è diventato popolarissimo negli Stati Uniti negli anni ’60, ispirando molti contatori di carte in provetta.

E’ stato lo stesso per Al Francesco, il quale raccontò che la sua prima sessione da contatore finì male. Dopo 20 minuti dovette lasciare per un fortissimo mal di testa. “Il sistema era troppo complicato, così ho dovuto studiare di più” ha ammesso. Il suo ritorno però lasciò il segno: per un anno e mezzo batté tutti i dealer incontrati sulla sua strada. Presto la sua “fama” gli costò cara, visto che i casinò del tempo gli chiusero, in modo inevitabile, le porte. Per otto anni, il padrino del BJ, non si è più visto in nessuna sala da gioco americana.

Al Francesco II: il ritorno

Dopo il lungo oblio, Al torna sulla scena del delitto, più forte che mai grazie ad un sistema avanzato di conteggio, inventato da Lawrence Revere. La tranquillità dura poco perché è nella lista nera dei casinò che cercano di tenerlo lontano da Las Vegas, anche usando modi poco ortodossi. Da qui nasce l’idea…

Le squadre del Padrino

Visto che i casinò non vogliono più vedere la sua faccia, il gambler passa al piano B. Siamo nel 1971 e Al Francesco diventa la grande mente temuta dall’industria del gambling di Vegas. Organizza diverse squadre composte da  7 persone: 6 contatori e un big player. Attenzione però, perché in questo campo il confine tra il lecito e l’illecito è molto sottile. Negli USA contare le carte è permesso, ma diventa illegale se il counter usa un dispositivo elettronico o si avvale della collaborazione di altre persone.

COMPARAZIONE GIOCHI
Compara tutti i bonus casinò

Il gambler dell’Indiana però non ci pensa due volte e assetato di vendetta inizia a sbancare le sale del Nevada, grazie alla creazione di team molto efficienti che usano il sistema avanzato di Lawrence Revere.

blackjack-contatore
Un vecchio contatore di carte durante una fase di allenamento

Come funzionavano le squadre

La strategia messa in atto era semplice: i sei counter sedevano al tavolo di blackjack e contavano le carte, facendo piccole puntate. Quando il mazzo era maturo, pronto all’aggressione, compariva il big player che si fingeva una ricca balena (in realtà era un bello squalo), un turista poco attento ai soldi (agli occhi dei manager) che piazzava una serie di scommesse pesanti, quando le condizioni erano favorevoli da un punto di vista matematico.

Con questo sistema, nel giro di pochi anni, le squadre di Al Francesco vinsero milioni di dollari.

L’errore di ingaggiare Ken Uston

Come detto, uno dei giocatori reclutati fu un’altra leggenda: Ken Uston. E’ stato però uno degli errori più grossi della sua carriera. Nel 1977, Ken Uston rivelò i segreti del team nel suo libro “The Big Player“.

Una bella infamata. Fu la fine per molte delle sue creature che dirigeva da dietro le quinte: da quel momento la vita si fece durissima per i ragazzi dei team Hyland, MIT e le squadre dei cecoslovacchi e dei greci. Al appese le carte al chiodo e si godette la pensione, dedicandosi alle corse dei cavalli. Riuscì a perdonare anche Ken Uston, mentre i suoi boys continuarono a detestare la gola profonda che fornì un assist decisivo ai casinò.

Editor in Chief Assopoker. Giornalista e consulente nel settore dei giochi da più di due decenni, dal 2010 lavora per Assopoker, la sua seconda famiglia. Ama il texas hold'em e il trading sportivo. Ha "sprecato" gli ultimi 20 anni della sua vita nello studio dei sistemi regolatori e fiscali delle scommesse e del gioco online/live in tutto il Mondo.
I NOSTRI CONSIGLI SUL CASINÓ