Vai al contenuto

Yevgeniy Timoshenko: “Quanto è dura senza tornei online!”

Yevgeniy Timoshenko ha vinto dal vivo 4.500.000 $Yevgeniy Timoshenko, nonostante la giovane età, è da anni sulla breccia dell’onda grazie al poker, e proprio per questo può gettare uno sguardo al passato ben sapendo di quello che sta dicendo: “Quando ho cominciato, nel 2006, il vantaggio che avevo sui miei avversari era sensibilmente maggiore, riuscivo ad intuire una serie di cose ben prima che gli altri fossero capaci di fare altrettanto“.

Adesso com’è noto le cose sono cambiate, con avversari molto più preparati e minor spazio per migliorare, anche quando si tratta di giocatori come Timoshenko, che sicuramente in quanto a talento è secondo a pochi: “Anche studiando davvero a fondo, credo che potrei correggere il mio gioco solo in aspetti marginali – ammette – è davvero difficile trovare qualcosa che potrebbe migliorarmi in modo veramente significativo”.

Una difficoltà che diventa ancora più grande per chi, come lui, non può più confrontarsi regolarmente coi migliori giocatori di poker online, trovandosi così a perdere quello smalto che solo i tornei dal vivo non possono garantirti: “Da quando abbiamo conosciuto il Black Friday ho giocato solo live, e sto seriamente considerando l’idea di prendere la residenza in Messico per poter giocare almeno eventi come lo SCOOP o il WCOOP”.

Per quanto gli anni passino, gli avversari aumentino ed anche il proprio rapporto col poker sia inevitabilmente destinato a cambiare, la voglia di primeggiare per chi come lui decide di continuare a rimanere in corsa indubbiamente resta: “In passato ho provato molta più soddisfazione per il semplice fatto di vincere tornei importanti, piuttosto che per il denaro in sé, nonostante sia imprescindibile. Proprio per questo, anche se giocare contro i migliori al mondo è piacevole, non ne varrebbe la pena se questo non portasse a un guadagno”. Il che evidentemente è tutt’altro che garantito.

Bonus poker online
Scopri tutti i bonus di benvenuto

Nonostante Yevgeniy sembri insomma ammettere che l’età d’oro del poker – quella in cui pochissimi erano in grado di dominare nettamente su tutti gli altri – sia ormai finita, ciò nonostante non crede che sia impossibile provare a percorrere con successo quella strada che lui ormai ha intrapreso da tempo: “E’ ancora possibile partire dal niente ed affermarsi fra i migliori al mondo, ma è necessario vivere il poker come un vero e proprio business, studiando ed avendo pazienza”. Ed anche se questo non è detto che sia capace di rendervi proprio come Timoshenko, di certo suona come un buon inizio.

Iscriviti alla newsletter

Per ricevere tutte le novità (no spam) di assopoker direttamente nella tua casella di posta