Gioco legale e responsabile

Live

Charlie Carrel e un flop intricato: tripla doppia coppia e un progetto di scala (video)

Il flop dei sogni. In parte è quello che è successo a Charlie Carrel durante un evento del partypoker live. L'inglese grazie alle prime tre carte comuni ha floppato la doppia coppia. Stessa sorte per altri due rivali, mentre un quarto giocatore ha visto aprirsi un progetto di scala ad incastro. Un flop pazzesco quindi e dove il post flop sorprende non poco, con delle condotte assai particolari. 

Scritto da
18/04/2020 15:00

2.035


Hittare is the way…

Charlie Carrel è impegnato ad un tavolo televisivo e con lui ci sono altri giovani di belle speranze. Insomma un tavolo dal tasso tecnico molto alto. Ma quello che sta per capitare è davvero incredibile: una serie di incroci che vi lasceranno a bocca aperta. Ad aprire le danze ci pensa Jonas da ugt con un raise a 25.000, dopo aver spillato j j . Flattano Josip dal bottone con k 9 , Tom dallo small blind con q 9 e infine Charlie Carrel dal grande buio con k q . Questo 4way pot lancia il piatto a 110.000 unità.

Charlie Carrel

Il flop assume i contorni thriller e tutti hittano qualcosa con le carte comuni: k q 9 . Il punto migliore è per Charlie Carrel che ha la doppia più alta (runna al 69%), segue poi con Josip con la seconda doppia coppia (4%) e infine Tom ha la doppia inferiore ed è praticamente out in questo spot (0%). Per non farsi mancare niente in questa mano, l’original raiser ha un incastro di scala che lo tiene a galla e così il buon Jonas ha il 25% delle probabilità dalla sua parte.

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

Allin? No, grazie

La mano si fa davvero incandescente e in molti si aspettano di vedere almeno due giocatori finire ai resti. Una speranza vana. Tom dallo small blind esce a 35.000 e dopo il call di Charlie Carrel, anche gli altri due players si lanciano nella mischia sulla strada che porta al turn. Si passa in quarta strada con 250.000 pezzi ad ingrossare il piatto, mentre al turn si manifesta 8 che mette ulteriore pepe alla mano.

Tom spara il secondo proiettile a 175.000, con Charlie che si limita al call. Passa la sua coppia di jacks Jonas e lo stesso fa Josip. Con 600.000 fiches nel piatto si arriva al river in heads up. Il buon Tom con uno stack 1.6 milioni non ha alcun modo di vincere la mano nel caso in cui si vada allo showdown e dopo il 5 tenta la terza cartuccia a 450.000.

CONFRONTO BONUS CASINO'

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui casinò online italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i concessionari sono mostrati a rotazione casuale.

Che freddezza di Carrel

Carrel ha poco più di 800 mila pezzi e sa che deve giocarsi mezzo stack per vedere la mano del rivale. Pochi secondi di riflessione e poi il britannico chiama. La sua doppia coppia è migliore di quella dell’olandese e Charlie Carrel porta a casa un pot da 1.500.000 gettoni, senza finire in allin. In pochi avrebbero pronosticato una mano senza allin, dopo quel micidiale flop.

Un call facile per alcuni, quello di Charlie Carrel al river, ma non è così in realtà. Sia per il board abbastanza complicato da leggere e potenzialmente pericoloso per i possibili progetti di scala. Da non sottovalutare poi la size dell’ultima bet di Tom che rischia di committare lo stack dell’inglese. Insomma una mano all’apparenza facile, ma molto complicata da gestire.

Il video della mano

La mano parte dal minuto 4.15

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento