Vai al contenuto

Il rilancio del poker live passa da un nuova partnership tra IPO e PokerStars

Il 2018 è stato un anno nero per il poker live italiano: nonostante i timidi segnali provenienti da Sanremo, la chiusura di Campione d’Italia, il caos a Saint Vincent (con il taglio del contratto di De Vere per l’organizzazione dei tornei) e la rinuncia definitiva del Casinò di Venezia al texas hold’em in ogni sua forma, sono stati tre colpi bassi per gli appassionati.

La dichiarazione di fallimento (poi revocata) della sala da gioco dell’ enclave svizzera ha, in modo del tutto brusco, fermato l’ambizioso processo di crescita del torneo italiano più importante e prestigioso: l’Italian Poker Open (IPO) che si è trovata a non poter fare più affidamento alla sua location storica.

Analizzando i freddi numeri, negli ultimi anni l’evento ha mostrato una crescita costante (con numeri da far invidia a tutta Europa). Ed ora l’IPO farà il salto di qualità e si trasformerà – da quello che abbiamo appreso – in un vero tour con 4 date importanti.

Nei mesi a cavallo del 2017-2018, IPO aveva trovato inoltre una dimensione ancora più forte a livello internazionale grazie agli accordi della prima poker room italiana e mondiale, PokerStars. Accordi interrotti in modo brusco con le note vicende di Campione, ma si è pronti a girare pagina.

E’ proprio da una nuova e ritrovata partnership tra IPO e Stars che il poker italiano potrebbe rivedere la luce.

Indiscrezioni, da fonti molto autorevoli delle ultime ore, parlano di un importante accordo tra il patron di IPO Andrea Bettelli e PokerStars. Si tratterebbe di un’intesa che prevede investimenti da parte della stessa Stars per una crescita ulteriore del torneo. Le fonti ufficiali al momento non confermano.

Per quanto riguarda le location i nomi caldi sono sempre i soliti. Ma le date e le location con precisione verranno svelate solo tra qualche giorno.

Scopri tutti i bonus di benvenuto

 

Segui  tutte le notizie sul mondo del poker 24 ore su 24 sulla pagina Facebook AssoNews. Metti like alla nostra pagina!

 

Editor in Chief Assopoker. Giornalista e consulente nel settore dei giochi da più di due decenni, dal 2010 lavora per Assopoker, la sua seconda famiglia. Ama il texas hold'em e il trading sportivo. Ha "sprecato" gli ultimi 20 anni della sua vita nello studio dei sistemi regolatori e fiscali delle scommesse e del gioco online/live in tutto il Mondo.
MIGLIORA IL TUO POKER CON I NOSTRI CONSIGLI