Gioco legale e responsabile

News

È morto Nutsinho, asso del cash game online: aveva solo 33 anni

Richard Lyndaker, meglio conosciuto come Nutsinho, ci ha lasciati: a soli 33 anni, era considerato una delle prime vere leggende del poker online, soprattutto nel cash game.

Scritto da
02/08/2019 12:35

8.886


Nella notte tra lunedì 29 e martedì 30 luglio, Nutsinho è deceduto mentre si trovava nel suo appartamento di San Diego, California. Richard Lyndaker, questo il suo vero nome, è stato uno dei giocatori di poker online più forti agli albori della disciplina.

Secondo quanto riporta il forum di 2+2, in un post scritto da un amico di famiglia, Nutsinho sarebbe morto per un’overdose accidentale di antidolorifici, che il suo medico gli aveva prescritto per alleviare i fastidi derivati da un infortunio patito giocando a calcio. Aveva appena 33 anni.

 

Nutsinho

Nutsinho al tavolo da poker

 

Chi era Nutsinho

L’americano è stata una delle figure di riferimento del settore del poker online, in particolar modo prima del Black Friday. Nato a New York, Nutsinho era uno specialista del cash game online, dov’era arrivato a giocare fino agli High Stakes, prima su PokerStars poi su Full Tilt.

Secondo HighstakesDB, Lyndaker aveva superato il milione di dollari di profit nel cash game online nel lontano agosto 2009, mentre nel 2010 era riuscito a chiudere addirittura in testa alla classifica dei giocatori più vincenti.

Polivalente, Nutsinho se la cavava più che egregiamente anche nei tornei live, dove aveva incassato circa $1,87 milioni. Nel 2008 aveva sfiorato il braccialetto nell’evento 46 delle World Series of Poker, chiudendo secondo il torneo di No Limit Hold’em Six Handed da $5.000.

L’ultimo suo piazzamento a premio in un evento live è un 9° posto nel Championship di Pot Limit Omaha alle WSOP 2018.

Segui  tutte le notizie sul mondo del poker 24 ore su 24 sulla pagina Facebook AssoNews. Metti like alla nostra pagina!

Le reazioni del mondo del poker

La notizia della morte di Nutsinho ha naturalmente sconvolto il mondo del poker.

“Mi si spezza il cuore sapere che abbiamo perso Richard”, ha scritto su Twitter Jason Koon. “Aveva un talento naturale infinito ed era sempre gentile con tutti”.

Anche Doug Polk ha affidato a Twitter il suo commiato: “Volevo prendermi un momento per esprimere la mia tristezza per la morte di Nutsinho. Mi ricordo che lo guardavo giocare il NL 5k su Stars e pensavo: ‘Questo ragazzo è un fenomeno’. È guardando giocare ragazzi come Rich che sognavo il poker. È così ingiusto il fatto che non sia più tra noi, ci siamo frequentati poche volte ma posso dire che sembrava avere un cuore grande, era una persona genuina. Il mondo del poker ha perso una leggenda e sono sicuro che adesso sta tribettando light qualcuno in cielo”.

LE RECENSIONI DELLE POKER ROOMS LEGALI ITALIANE

 

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento