Gioco legale e responsabile

Online

Il pokerista vincente agli small stakes: comportati come i Casinò, tieni stretto il tuo 84%!

La cosa più difficile per un giocatore di poker è quella di riuscire a passare indenne le partite small stakes. La tua mente ti aiuterà a farlo se segui certe piccole caratteristiche.

Scritto da
16/02/2021 18:30

1.653


small stakes

small stakes

Le partite small stakes, sia online che live, rappresentano una sfida unica con cui la maggior parte dei giocatori di poker deve avere a che fare, almeno all’inizio della propria carriera nel poker.

Tutti giocano gli small stakes

Queste partite sono tipicamente piene di giocatori inesperti e regular abituali privi di fantasia. 

In entrambi i casi a questi giocatori non piace passare molto spesso e questo può portare a una quantità eccessiva di bad beat. 

Questa circostanza può essere molto difficile da gestire per qualcuno che è nuovo nel gioco. 

Consulta il confronta bonus delle principali poker rooms legali italiane: CLICCA QUI

Quando lo combini con l’aspetto multi-tavolo del poker online, questo può portare a un tilt disastroso per molte persone.

Per questi motivi, in questo articolo ti darò alcuni dei miei migliori consigli mentali per sopravvivere e prosperare nella vasta giungla del poker low stakes.

Accettare il caos nelle partite small stakes

La prima cosa che devi fare è semplicemente accettare che il tuo viaggio attraverso la posta in gioco minima sarà tutt’altro che agevole. Stai per prendere innumerevoli bad beat.

I tuoi assi verranno battuti cinque volte di seguito. Centreranno quella carta miracolosa al river subito prima del tavolo finale. 

Sì, succederà tutto e anche peggio.

Quando sarai consapevole a cosa ti starai iscrivendo, questo potrebbe aiutarti a gestire l’inevitabile follia che seguirà. 

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

Semplicemente non c’è modo di aggirarlo. Quando sei impegnato in una battaglia con un gruppo di giocatori “no fold’em”, di tanto in tanto tireranno fuori le loro carte miracolose. 

Questa è semplice matematica.

Tornei small stakes

Tornei small stakes

L’unica cosa che non puoi mai fare negli small stakes è combattere la matematica. 

Se stanno inseguendo quel progetto di scala gutshot – e lo faranno quasi sempre – allora circa il 16 percento delle volte lo centreranno se inseguono dal flop al river.

È davvero una cattiva idea inseguire un draw di scala a incastro? 

Sì, certo che lo è. Questo è ciò che fanno i cattivi giocatori di poker. Ma non puoi negare loro il 16 per cento del capitale. Ci arriveranno di tanto in tanto. A volte ne centreranno alcuni di seguito.

Questo è il modo in cui funziona il poker. Devi accettare il caos alla posta in gioco più bassa.

Ricorda l’84 per cento

Non importa quello che dico qui, so quanto possa essere orribile quando gli avversari ti prendano ripetutamente le loro carte miracolose al river. 

Senti un mix inquietante di frustrazione, sgomento e totale disperazione. 

Consulta il confronta bonus delle principali poker rooms legali italiane: CLICCA QUI

Vorresti solo gettare la spugna e rinunciare a un certo punto. Perché che senso ha giocare quando ti sembra di essere destinato a perdere ogni mano?

Credimi, conosco questa sensazione, oh se la conosco. 

Come lo supero? L’ho superato ricordando che in media non riusciranno a centrare quel gutshot di scala l’84% delle volte. 

È un bel vantaggio! Ecco perché gioco a questo gioco. Non importa quanto cerchino di combattere la matematica, alla fine vincerò sempre.

Non puoi continuare a mettere i tuoi soldi nel mezzo come un enorme perdente e aspettarti di avere qualsiasi tipo di successo a lungo termine. 

Questo è davvero tutto ciò che il poker in realtà è quando lo scomponi: una serie infinita di campioni. 

Questa volta potrebbero centrare il loro gutterball o anche tre volte di fila contro di me. 

Ma prova a farlo 10, 20 o 100 volte di seguito. Non succederà.

Il mio patrimonio dell’84% sta lentamente schiacciando la loro “fortuna” quando le dimensioni del campione iniziano a sommarsi. 

E alla fine tutte le loro chips saranno nel mio stack.

Smetti di concentrarti sul singolo giocatore

Quello che molte persone dimenticano è che in realtà non importa se ricevi o meno i tuoi soldi da un giocatore in particolare. 

In effetti, questo è un enorme errore che vedo le persone fare ancora e ancora. 

Cioè, concentrandosi su uno specifico giocatore scarso di poker che è stato fortunato contro di loro più volte di seguito, non otterremo il risultato che vogliamo che è, ricordatevelo sempre, VINCERE alla fine dell’anno. 

Devi invece iniziare a vedere i giocatori di poker ricreativi come un grande conglomerato. 

Non importa contro chi di loro vinci i tuoi soldi, alla fine della giornata li riavrai dal gruppo di giocatori di poker ricreativi se continuano a mettere i loro soldi nel piatto come fanno i grandi perdenti.

L’unica cosa che non cambia mai nel poker è che i cattivi giocatori continueranno a mettere le loro chips nel mezzo come grandi perdenti statistici. 

Una delle cose migliori che puoi fare per evitare di tiltare, è spersonalizzare completamente la tua esperienza di gioco del poker.

Un buon modo per illustrare meglio questo punto è iniziare a pensare al poker come fanno i casinò di Las Vegas con i loro clienti. 

Prima che ci colpisse la pandemia, oltre 40 milioni di scommettitori si recavano di media a Las Vegas ogni anno e molti di loro si cimentavano in giochi come roulette, slot, dadi e altri giochi in cui il banco ha un vantaggio significativo.

Non fraintendere, alcuni di questi viandanti a Las Vegas saranno fortunati e vinceranno alla grande. 

Quelli che lo faranno, torneranno a casa e se ne vanteranno con i loro amici, il che a sua volta spronerà ancora più turisti a tentare la fortuna lì.

Ma i casinò conoscono la matematica. 

Sanno di avere un vantaggio in tutti questi giochi, non importa quanto piccoli. Non si preoccupano per “Joe Blow” che è fortunato e li brucia una volta. Perché sanno che vinceranno alla grande contro i 40 milioni di altri “Joe Blows”.

Devi pensare al poker allo stesso modo. 

Non prenderla così sul personale quando uno o più giocatori ricreativi ti danno una brutta scoppola sfortunata. 

Lascia che si divertano. Perché se stai giocando correttamente, vincerai alla grande nel lungo periodo contro l’intero gruppo, e questa, ovviamente, è l’unica cosa che conta davvero.

Consulta il confronta bonus delle principali poker rooms legali italiane: CLICCA QUI

Pensieri finali

La battaglia mentale nel poker agli small stakes è uno dei maggiori ostacoli in cui inciampano molti giocatori, specialmente quelli che sono nuovi e / o inesperti.

Amplifica questo concetto con la possibilità di giocare a 2, 4, 12 o anche 20 tavoli alla volta online, e il potenziale per un massiccio aumento del bankroll diventa molto chiaro.

La chiave è capire in cosa ti stai cacciando. 

I limiti inferiori saranno folli e francamente incredibili a volte.

Ma allo stesso tempo devi sempre ricordare che non puoi combattere continuamente la matematica nel poker e aspettarti di ottenere un profitto nel lungo periodo. 

I cattivi giocatori di poker perdono nel lungo periodo. 

In effetti perdono soldi, oltre che molto tempo.

Non importa da chi di essi riceverai i tuoi soldi. Se continui a giocare correttamente, alla fine vincerai.