Vai al contenuto

Monster Pot al Bicycle col doppio full e il bluff di Adelstein che conduce la mano!

Il colpo che estrapoliamo oggi dallo streaming del Live At The Bike vede il sempre attivissimo Garrett Adelstein condurre una mano nella quale è sempre sotto, fin dal preflop, pur essendo l’original raiser.

Una mano spettacolare che, ne siamo certi, vi porterà ad avere almeno un piccolo sussulto, immaginando di essere al posto di uno dei protagonisti.

Il contesto

La partita è stata inserita sul canale Youtube del Bicycle di Los Angeles, un paio di settimane fa e ci mette di fronte a una $50/$50/$100 + $100 Big Blind Ante No Limit Hold’em giocatasi un mesetto fa, segnatamente il 16 luglio.

Lo streaming è commentato, come al solito, da JJ De La Garza.

I protagonisti al tavolo sono la sempre riconoscibilissima Kitty Kuo, Double M, che peraltro non partecipano alla mano che vedremo oggi, Mike, Garrett Adelstein ed Eric. 

La mano, Adelstein bluffa, Eric fa strike

Il colpo a cui facciamo riferimento comincia con il solito Adelstein che da Under The Gun non si lascia sfuggire l’occasione di aprire a 300, trovando la 3Bet da bottone di Eric, che sale a 1.000 con una mano come k 3 . 

L’azione non spaventa Mike, che decide di partecipare alla festa con la sua coppia di 7 7 da Small Blind alla luce della quale chiama.

Le odds non mancano a Garrett Adelstein che mette a sua volta. 

Il flop regala gioie importanti ad Mike, che centra il suo set di 7, mentre Eric trova una buona doppia coppia. 

Garrett non chiude nessun punto concreto, ma va a cercarsi i 4 out del suo draw di scala a incastro.

Scopri tutti i bonus di benvenuto

L’action al flop

La parola all’original raiser è l’opzione più probabile e così effettivamente succede, visto che la Continuation Bet di Eric non tarda ad arrivare e la size scelta è 1.500, circa metà pot.

Lo splendido punto di Mike non è onorato dal suo possessore, che si limita al call con l’idea di massimizzare il proprio valore nelle strade successive. 

Il turn regala un nuovo Kappa, questa volta di fiori, ad Eric, che chiude un full house di Kappa e 3. 

Nessuno prende l’inerzia del colpo di petto e arriva un triplo check. 

Il river è un asso e questa volta succede il finimondo. 

"C'è chi pensa che sia impossibile prendere parte a tutti i tavoli finali dei tornei a cui si partecipa. Questo è vero per tutti. Tranne per chi li racconta".