Vai al contenuto

WSOP 2024: Robert Mizrachi fa 5, Sammartino al Day 2 del torneo dei super duri

Uno dei tornei più difficili non solo delle World Series Of Poker 2024, ma dell’intera stagione pokeristica internazionale, ha preso il via questa notte e, nel momento in cui vi scriviamo, è anche uno dei pochi che ha terminato il suo percorso, in questo caso, del Day 1.

Parliamo del 6-Max da 25k di iscrizione, al quale erano presenti anche tre italiani, Mustapha Kanit e Giovanni Mandriano, entrambi fuori e Dario Sammartino, che è passato al Day 2.

Proprio da questo torneo cominciamo il nostro report di inizio giornata.

Event #21: $25,000 NLH 6-Max 

Quando si parla di una specialità elettrizzante e frenetica come il 6-Max, va da sé che la mente spedisca gli interessati al torneo per durissimi per eccellenza, l’Event #21: $25,000 NLH 6-Max.

Non solo il Buy In è piuttosto impegnativo, ma è riconosciuto da tutti che per giocare questo tipo di eventi ci vogliono nervi d’acciaio e un’aggressività fuori dal comune.

Sono caratteristiche che ha senza dubbio il chipleader di fine Day 1, Brandon Wilson, che ha chiuso la sua giornata con 1.388.000 gettoni da investire oggi al Day 2, primo di 76 giocatori rimasti in gioco, dai 216 iscritti ieri.

La late registration rimarrà aperta fino allo start del Day 2 e di tutto il suo primo livello, ma per adesso è già di oltre 5 milioni il prize pool complessivo e, ovviamente, provvisorio.

Chi passa e chi esce

Un altro giovane che si sta facendo un nome nella scena del poker è Michael Jozoff, che ha concluso la sua giornata con 1.127.000. Considerato uno dei giocatori più giovani in campo, i risultati di Jozoff nei tornei sono migliorati negli ultimi due anni. Con un nono posto nel $25k 8-max dello scorso anno, Jozoff andrà a caccia del suo primo braccialetto WSOP da aggiungere al suo fiorente curriculum.

Molti altri notabili si sono ritrovati a fare run nel torneo tra cui Rainer Kempe (858.000), Michael Rocco (790.000), Justin Bonomo (715.000), Aliaksandr Shylko (485.000) e Chance Kornuth (412.000). Phil Ivey (411.000) e Daniel Negreanu (126.000) sono entrambi arrivati alla fine della giornata.

Per quanto riguarda gli italiani bucano il Day 2 Giovanni Mandriano e Mustapha Kanit, mentre approda alla giornata di oggi Dario Sammartino, che ha chiuso il suo Day 1 a quota 162.000.

Mustapha Kanit – Courtesy Pokernews & Omar Sader

Questo è il count di fine giornata per i primi

PosizioneGiocatoreProvenienzaChipcount
1Brandon WilsonStati Uniti1,388,000
2Michael JozoffStati Uniti1,127,000
3Artur MartirosianRussia988,000
4Paul JagerStati Uniti934,000
5Rainer KempeGermania858,000
6Brek SchuttenStati Uniti813,000
7Michele RoccoStati Uniti790,000
8Chongxian YangStati Uniti769,000
9Justin SalibaStati Uniti767,000
10Kevin RabichowStati Uniti724,000

Event #13: $10,000 Dealer’s Choice Championship (6-Handed)

Un altro 6-Handed che doveva concludersi nella notte, è invece stato il Dealer’s Choice Championship, che ha visto trionfare uno dei fratelli Mizrachi, Robert, che ha così messo al polso il suo quinto braccialetto.

Tornati in tre nel pomeriggio di ieri, i protagonisti della coda del torneo, si sono affrontati, ultimi di un totale di 141 giocatori iscritti, sul quale Mizrachi ha è diventato il campione, per una prima moneta di $333.045.

Robert Mizrachi Courtesy Pokernews & Omar Sader

Le reazioni di Mizrachi

È una sensazione fantastica”, ha detto Mizrachi. “Ho giocato la mia migliore partita, probabilmente meglio che mai. Sono così felice. Voglio solo concentrarmi ed essere lì per la mia famiglia e spero che accadano cose buone”.

Scopri tutti i bonus di benvenuto

Ieri, l’atmosfera era conviviale con giochi scelti dagli avversari, dai croupier – persino dal rail – ma oggi, ha detto Mizrachi, era tutto business.

“Dovevamo capire su quali giochi potevo costruire la mia vittoria, e sono contento delle mie scelte. Mi sento come se avessi giocato la mia miglior partita”.

“Mi piacciono i giochi Pot Limit perché puoi controllare il piatto contro un giocatore più debole. Non può metterti pressione pre-flop, quindi puoi vedere più flop e puoi davvero controllare le cose post-flop”.

Il payout di fine torneo

LuogoGiocatorePaeseGuadagno
1Robert MizrachiStati Uniti$ 333,045
2Michael MartinelliStati Uniti$ 215,848
3Ryutaro SuzukiGiappone144.431 dollari
4Ben LambStati Uniti$ 99,885
5David BachStati Uniti71.476 dollari
6Riccardo BaiStati Uniti$ 52,985

Event #15: $1,500 Pot-Limit Omaha Hi-Lo 8 or Better (8-Handed)

Altro braccialetto assegnato, quello dell’Event #15: $1,500 Pot-Limit Omaha Hi-Lo 8 or Better (8-Handed), il cui heads up conclusivo si è giocato alle prime luci dell’alba italiane, il cuore della notte a Las Vegas.

Caleb Furth courtesy Pokernews & Danny Maxwell

Al termine di una battaglia pokeristica di tre giorni, a mettere le mani sul braccialetto dell’evento numero 15, è stato lo statunitense Caleb Furth, che ha neutralizzato le velleità del secondo classificato, il cinese Jiyang Gan, che si è dovuto arrendere addirittura con Asso Alta che, in un gioco come PLO Hi-Lo, non è esattamente comune.

I due hanno messo in tasca rispettivamente $265.361 e $76.891.

Event #16: $5,000 8-Handed No-Limit Hold’em

Tra i tornei che si stanno invece per concludere, è appena partito il tavolo finale del Event #16: $5,000 8-Handed No-Limit Hold’em, del quale potrete vedere la diretta in chiaro attraverso il link che vi abbiamo fornito nella nostra pagina Facebook.

Eddie Ochana courtesy Pokernews & Hayley Hochstetler

Questi i 9 players left:

PosizioneGiocatoreProvenienzaChipcount
1Kartik VedIndia3,750,000
2Eddie OchanaUnited States10,420,000
3Shant MarashlianUnited States3,090,000
4Alexander QueenUnited States7,885,000
5Brent HartUnited States5,525,000
6Daniyal GhebaUnited States4,475,000
7Taylor BlackUnited States2,255,000
8Adam SavenUnited States2,905,000
9Krasimir YankovBulgaria850,000
"C'è chi pensa che sia impossibile prendere parte a tutti i tavoli finali dei tornei a cui si partecipa. Questo è vero per tutti. Tranne per chi li racconta".
MIGLIORA IL TUO POKER CON I NOSTRI CONSIGLI