Vai al contenuto
Kassouf

WSOP 2016: il clamoroso set over set a tre left e le polemiche di Kassouf [Video]

Qui Nguyen e Kassouf

Fu la cavalcata mitologica di Qui Nguyen, lo statunitense dai marcati lineamenti asiatici, che mise a ferro e fuoco il Main Event delle World Series Of Poker del 2016, che verrà ricordato anche per le polemiche di Kassouf

Ancora un’edizione sontuosa

A giocarsi i primi tre posti del Main Event delle WSOP 2016, furono, in rigoroso ordine di piazzamento finale, Qui Nguyen, Gordon Vayo e l’espertissimo e conosciuto Cliff Josephy. 

Chiusero sul podio dopo aver eliminato un field complessivo che in quella occasione toccò i 6.737 giocatori, che originarono così un prize pool di $63.327.800. 

Furono 4 i giocatori non americani che vissero l’emozione di giocare il final table a 9, segnatamente il ceco Vojtech Ruzicka, il belga Kenny Hallaert, il canadese Griffin Benger e uno spagnolo che, nell’arco del tempo, decise di non concedere l’autorizzazione alla pubblicazione del proprio cognome. 

Cognome che è comunque palesemente riscontrabile in una quantità praticamente infinita di immagini sul web. 

La vittoria di Nguyen

Per Qui Nguyen fu una passerella entusiasmante, portata a termine anche grazie a tutta una serie di colpi molto spettacolari, come il super bluff in heads up contro Gordon Vayo che gli spianò la strada verso la vittoria e che vedrete come prima mano tra le cinque proposte.

Ci sono un paio di spezzoni da ricordare, tra quelli raccolti da PokerGo per dare lustro a quella edizione. 

Intanto il set over set a tre left tra Vayo e Josephy, che decretò la ormai pressoché certa  eliminazione di quest’ultimo, a causa di un flop per lui super sfortunato. 

Scopri tutti i bonus di benvenuto

E poi il clamoroso battibecco tra William Kassouf e Griffin Benger, in una dinamica a 17 left che vide il giocatore inglese provocare a più non posso il canadese che rimase quasi impassibile, fino all’esplosione di gioia alla vittoria del piatto. 

Troverete un’altra perla di Kassouf, impegnato in una infuocata schermaglia dialettica contro Stacy Matuson, forse troppo timida nel foldare le sue donne su un board senza over cards…

Buona visione! 

COMPARAZIONE GIOCHI
"C'è chi pensa che sia impossibile prendere parte a tutti i tavoli finali dei tornei a cui si partecipa. Questo è vero per tutti. Tranne per chi li racconta".