Vai al contenuto

WSOP 2017: Ferguson sfiora il primo braccialetto post black friday, nel Ladies trionfa l’Australia

Dopo una lunghissima battaglia in heads-up, nelle prime luci dell’alba di Las Vegas, Chris Ferguson (leggi qui la sua storia) si deve arrendere e rinunciare alla vittoria della riabilitazione, quella del primo braccialetto WSOP dopo il black friday del 2011, nell’evento 72, il $10.000 Seven Card Stud.

L’ex proprietario e fondatore di Full Tilt, implicato nell’inchiesta del “secolo” che ha messo in ginocchio il poker online americano, non ce l’ha fatta ed ha mostrato bandiera bianca dinanzi a Mike Wattel, nonostante tutta la determinazione di Ferguson nel prolungare la partita, per lunghi tratti in perfetto equilibrio.

BRACCIALETTI

Mike vince il secondo braccialetto in carriera, dopo il primo vinto ben 18 anni fa, nel lontano 1999 nel $1.500 Omaha Hi-Low. Il player dell’Arizona ha iniziato la sua avventura alle WSOP nel 1991 ed ha vinto oltre 2 milioni di dollari.

 

Stanco di perdere? Entra nel Team di Pokermagia! Staking e Coaching gratuito per te. Fail il test ora!

 

Jesus fallisce l’assalto a quello che sarebbe stato il suo sesto braccialetto in carriera, raggiungendo così l’odiato rivale Daniel Negreanu, l’italao australiano Jeff Lisandro e Tedd Forest.

WSOP POY E CASHES

Una delusione doppia per l’ex simbolo della red room, considerando che con questa vittoria avrebbe vinto matematicamente il ticket per il Main Event WSOPE e sarebbe volato in Repubblica Ceca ad ottobre (in occasione delle World Series of Poker Europe) in testa nella speciale leaderboard del WSOP Player of The Year. Invece rimane tutto aperto, in attesa di conoscere l’esito del Main Event.

Questa edizione dei campionati del mondo di poker però ci hanno regalato di nuovo un top player di livello mondiale al netto delle scorie lasciate dallo scandalo Full Tilt accaduto sotto la sua gestione e quella di Howard Lederer. Chris raccoglie, in tutti i casi, il suo 15esimo ITM in queste WSOP. Meglio di lui ha fatto solo John Recener.

Bonus poker online
Scopri tutti i bonus di benvenuto

OLD GENERATION

Al terzo posto, nel Championshipp del Seven Card Stud, riscopriamo un altro protagonista della old generation: Perry Friedman, tornato a Vegas dopo tanto tempo. Shaun Deeb è stato il primo eliminato al final table, uscendo in settima posizione. L’evento ha registrato solo 88 entries.

PREMI

A premio anche David Benyamine (8°, $24.419), Jason Mercier (11°, $16.829) e Todd Brunson (13°, $14.667).

Ferguson si consola con un secondo premio da $151.700 (ed incassa 114,8 punti per il POY) mentre Mike Wattel porta a casa $245.451 e il secondo braccialetto in carriera.

LADIES EVENT: TRIONFA HEIDI MAY

La poker pro australiana Heidi May ha vinto il suo primo braccialetto in carriera, trionfando nel $10.000 Ladies Event. La 27enne originaria di Hobart ha piegato un field di 718 players assicurandosi un primo premio da $135.098. Come noto, l’evento dedicato alle donne prevede un buy-in di $1.000 per le giocatrici di sesso femminile e ben 10 volte la posta per i maschietti.

In passato Heidi May aveva incassato alle WSOP poco più di $35.000. Tra le giocatrici vip che sono riuscite a conquistare un posto al sole in the money troviamo Amanda Baker (43°), la madrina del WPT Lynn Gilmartin (49°), Vanessa Selbst (56°), Julie Cornelius (77°) e Natalie Hof (95°).

Il payout del final table

  1. Heidi May $135,098
  2. Deborah Worley-Roberts $83,459
  3. Jana de la Cerra $57,930
  4. Julie Dang $40,843
  5. Katherine Ansorge $29,256
  6. Alexis Sterner $21,298
  7. Tiffany Lee $15,760
  8. Meg Zampino $11,858
Giornalista e consulente nel settore dei giochi da più di due decenni, dal 2010 lavora per Assopoker, la sua seconda famiglia. Ama il texas hold'em e il trading sportivo. Ha "sprecato" gli ultimi 20 anni della sua vita nello studio dei sistemi regolatori e fiscali delle scommesse e del gioco online/live in tutto il Mondo. Editor in Chief.