Vai al contenuto

Apestyles è sempre un mostro: vince il Big $215 e vola oltre $7 milioni in carriera

Jonathan Van Fleet, in arte “apestyles”, ha centrato l’ennesima vittoria della sua sfolgorante carriera, portandosi a casa il PokerStars Big $215 da $100.000 garantiti, per una prima moneta del valore di $25.417, e confermandosi un giocatore davvero straordinario.

‘Apestyles’ torna così ad assaporare la gioia del successo in un torneo importante, superando un field di 748 player, a poco più di due mesi dalla sua ultima affermazione: lo scorso maggio, infatti, Van Fleet fece suo il PokerStars Hot $109 da $50.000 garantiti, incassando $17.618.

Così il tavolo finale del PokerStars Big $215 vinto da ‘Apestyles’:

  1. apestyles $25.417
  2. Zluka2010 $18.444
  3. Anton720 $13.385
  4. mahmutt88 9.713
  5. brainwash $7.049
  6. dntfrgtame $5.115
  7. DSMaverick $3.712
  8. nailuj90 $2.694
  9. Anao19 $1.955

“apestyles? Il miglior MTTer di tutti i tempi”

La carriera di ‘apestyles’ parla da sola: oltre 5,1 milioni di dollari vinti su PokerStars e oltre 1,9 milioni su Full Tilt, giusto per citare le due piattaforme sulle quali l’americano ha giocato maggiormente, per un totale che supera il muro dei 7 milioni di dollari.

Non a caso, Alex ‘assassinato’ Fitzgerald ha definito Van Fleet come “il più forte giocatore di MTT di tutti i tempi”. Un’incoronazione non da poco, visto che Fitzgerald è un altro torneista eccellente, con vincite lorde intorno ai 3 milioni di dollari.

Bonus poker online
Scopri tutti i bonus di benvenuto

Tra i migliori risultati di ‘apestyles’, ricordiamo la vittoria nell’Event #5 delle FTOPS XVI ($123.600 di primo premio), in un Second Chance delle WCOOP 2010 ($133.000) e in un Super Tuesday (oltre $100.000).

Van Fleet è anche l’autore, insieme con Jon ‘PearlJammer’ Turner ed Eric ‘Rizen’ Lynch di Winning Poker Tournament One Hand at a Time (in italiano tradotto in Internet: Vincere i Tornei di Poker), una serie di tre libri su come affrontare al meglio proprio i tornei multitavolo, disciplina nella quale i tre autori sono davvero dei maestri.