Vai al contenuto

Mustapha Kanit ricorda: “la vittoria nel Million mi ha cambiato la carriera”

Sono passati praticamente quattro anni esatti da quella domenica 13 marzo 2016, quando il nostro Mustapha Kanit superò la concorrenza di altri 5.716 giocatori per conquistare la vittoria nel Sunday Million,  uno dei tornei di poker online più prestigiosi e ricchi al mondo.

Il professional poker player italiano è stato intervistato qualche settimana fa, quando ancora l’emergenza coronavirus sembrava una lontana minaccia, dai colleghi di PokerNews.com, prima di un evento live in quel di Madrid.

LEGGI IL NOSTRO CALENDARIO GIORNALIERO MULTI-ROOMS DEI TORNEI ONLINE IN ITALIA

 

Il desiderio di Mustapha Kanit

Il Mustacchione nazionale ha rivelato di aver sempre sognato di portarsi a casa un torneo come il Sunday Million, “che giocavo ogni domenica e volevo davvero vincere, in particolar modo all’inizio della mia carriera”.

Proprio perché la vittoria in un torneo del genere, ammette Mustapha Kanit, è qualcosa che ti cambia la carriera. Tante volte mi sono detto che quella domenica sarebbe stata il giorno in cui avrei vinto il Million, ma era sempre stato un sogno mai realizzato”.

Fino a quella domenica 13 marzo di quattro anni fa, appunto.

Segui  tutte le notizie sul mondo del poker 24 ore su 24 sulla pagina Facebook AssoNews. Metti like alla nostra pagina!

Bonus poker online
Scopri tutti i bonus di benvenuto

Una festa a lungo attesa

Per primeggiare nel torneo domenicale di PokerStars, Kanit ci ha messo parecchi anni. Ma alla fine è riuscito a scrivere il suo nome nell’albo d’oro del Sunday Million: “Anche quando giocavo nei tornei Super High Roller, è sempre stato un sogno. Volevo vincere il Sunday Million, e quando ce l’ho fatta è stata una sensazione stupenda”.

 “Era uno di quei tornei che ho sempre inseguito e voluto vincere, e finalmente quel giorno è successo – ha aggiunto Mustapha Kanit – C’era questo senso di appagamento, quasi. Come quando finalmente hai tra le mani qualcosa che hai sempre inseguito, inseguito e ancora inseguito”.

Come andò il torneo?

Tra l’altro, l’italiano ha ammesso che la parte più difficile non è stata il tavolo finale, dove è sempre rimasto in controllo, quanto naturalmente riuscire ad arrivarci in un field di oltre 5.000 iscritti. O forse nemmeno quello?

“Ho sempre avuto un buono stack durante il torneo. Il final table è andato liscio, ho solo giocato gli spot giusti. Dopo la fine del torneo mi sono sentito bene, è stata una splendida sensazione. La stessa cosa che capita quando lavori duramente per qualcosa e finalmente la ottieni”.

In quell’occasione, Mustapha Kanit si portò a casa $177.229 in un colpo solo: “Fu una grossa vincita, ma misi tutto il denaro nel mio bankroll. Non spesi neppure un centesimo, in quel momento finì tutto nel mio bankroll per il poker”.