Vai al contenuto

Phil Galfond ed una 3-bet che non s’ha da fare

[imagebanner gruppo=pokerstars] Se pensate che il cash game non sia altro che aggressione e fuochi d’artificio, preparatevi a ricredervi: come vedremo in questa mano di Pot Limit Omaha commentata da Phil Galfond, non sempre mostrare i denti è la soluzione migliore.

Ci troviamo al PL200, e la mano pertanto non è stata giocata da “OMGClayAiken“, in un tavolo 4-handed del circuito di iPoker dove con uno stack effettivo di 100 big blinds sediamo sul grande buio con in mano k 7 10 5 . Dopo l’openraise del bottone a 4$ ed il call dello small blind anche hero si limita al call, una scelta che Galfond giudica corretta ma che un utente di RunItOnce.com mette in discussione.

“Con una mano double suited senza l’asso normalmente 3-betterei preflop – scrive – nel momento in cui dovessi chiudere il mio flushdraw infatti sarebbe molto più probabile che questo fosse buono contro un solo avversario anziché contro due, ed inoltre visto che sono fuori posizione dimostrerei anche una certa forza, visto che lo farei raramente”.

2014 World Series of Poker

“Se 3-betti una mano simile, è probabile che non finirai col 3-bettare così di rado come dici quando sei fuori posizione – ribatte Galfond – è vero che ci sono mani con cui vogliamo 3-bettare preflop per giocare heads-up, ma generalmente è molto meglio farlo prima che ci sia stato già un call all’original raiser, perché altrimenti quello che accade con buona probabilità è che verrai chiamato da entrambi”.

Bonus poker online
Scopri tutti i bonus di benvenuto

Per questo motivo, al costo di suonare banale, lo statunitense scrive: “La ragione principale per la quale 3-bettiamo nel Pot Limit Omaha è semplicemente perché vogliamo far finire più soldi nel piatto, ma una mano come la nostra non è forte né giocabile abbastanza per farlo, e per questa ragione in questo spot non 3-betterei niente di peggio di KQT9 double suited“.

Malgrado si tratti insomma di una situazione di gioco apparentemente molto semplice – ed anche piuttosto ricorrente per un grinder – l’errore è sempre in agguato, e proprio perché spot analoghi capitano frequentemente assicurarsi di non commettere sbagli nel lungo periodo significa semplicemente guadagnare più soldi.