Gioco legale e responsabile

Come pensano i Pro

Daniel Negreanu, che shock contro Phil Hellmuth: la mano analizzata da Jonathan Little

Jonathan Little analizza un’altra mano di High Stakes Duel, giocata naturalmente da Daniel Negreanu e Phil Hellmuth. Stavolta assistiamo ad un doppio colore, anche se sarà il pro player americano ad avere la meglio.

Scritto da
22/06/2021 14:00

559


Torniamo a parlare di High Stakes Duel, la sfida che ha coinvolto Daniel Negreanu e Phil Hellmuth. Ci facciamo aiutare dal sempre ottimo Jonathan Little, che già aveva analizzato un’altra mano molto interessante, sempre tratta da High Stakes Duel.

Pronti? Si parte!

 

Daniel Negreanu

Daniel Negreanu

 

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

La mano

Con i bui a 400/800, Daniel Negreanu apre il gioco con 10 9 per un mini raise a 1.600, partendo con uno stack di 58.700. Phil Hellmuth, che di chip ne ha 41.300, risponde chiamando con K Q . Il flop è J 5 2 .

Hellmuth fa check, mentre Danielino opta per una piccola bet di 800, che il suo avversario chiama prontamente.

Il river è un 8 , che concede al Poker Brat il colore second nut. Ancora check per Phil, e stavolta il canadese si adegua. Il river è un Q .

Il quinto quadri sul board spinge Phil Hellmuth a fare check per la terza volta. Daniel Negreanu punta 2.400 e Phil fa solo call, con il Kid Poker che ne rimane alquanto sorpreso.

Daniel Negreanu vs Phil Hellmuth: l’analisi

Ancora una volta, lasciamo che Jonathan Little ci guidi in tutte le fasi del colpo.

Flop

Detto che con la sua mano Phil Hellmuth avrebbe anche potuto controrilanciare pre-flop, dopo il suo check e la bet di Negreanu, cosa possiamo aspettarci? “Se Hellmuth rilanciasse e subisse une 3-bet, probabilmente si troverebbe in svantaggio contro gran parte del range di Negreanu”, spiega Little.

“Inoltre, re-carta alta ha un po’ di valore di showdown, perciò facendo call qui, e non chiudendo il colore, si potrebbe pure vincere il piatto solo con il re. In generale, quando hai un progetto e una mano marginale che ha del valore di showdown, dovresti giocarla in modo più passivo.

Turn

Secondo Little, quando siete fuori posizione e chiudete una mano forte, come Hellmuth al turn, e volete che oppo continui a puntare con mani marginali o bluff, fare check è ok.

Qui Daniel Negreanu fa check dietro e quindi non c’è molto altro da dire.

River

In questo spot, che cosa fareste al posto di Hellmuth? Il piatto vale 4.800, avete 50 grandi bui: fareste check col colore? Puntereste poco, tipo 1.400? Mediamente, tipo 3.200? O forte, diciamo 6.000?

“Questo è uno spot in cui penso che sia giusto fare check con l’intenzione di rilanciare oppure puntare forte”, sentenzia Little. “Se Negreanu ha un colore migliore rispetto al board, probabilmente chiamerà, e potrebbe anche farlo per dividere il piatto. Usare una bet size larga metterebbe Daniel Negreanu in uno spot difficile con le sue mani prive di quadri, ma potrebbe anche ricevere un call da parte delle sue mani che contengono un quadri”.

Hellmuth come abbiamo visto fa check, e Daniel punta mezzo piatto. “Se fossi Hellmut, farei check-raise in caso di puntata medio-bassa. Questo perché quando Negreanu usa questa size,di solito il suo range non cerca grande valore”. Invece Hellmuth fa solo call, temendo probabilmente l’A del suo avversario, che rimane sbigottito dalla condotta del Poker Brat.

Il video della mano con l’analisi