Gioco legale e responsabile

Altra Strategia

I consigli di Kathy Liebert: l’importanza del focus ai tavoli da gioco

Scritto da
28/12/2009 04:21

3.513


Kathy LiebertMantenere il focus significa osservare attentamente i vostri avversari mentre giocano le loro mani. Se riuscite a capire quali sono le loro tendenze allora avrete la possibilità di regolare le vostre strategie nella maniera più efficace.

Studiarne gli atteggiamenti vi aiuterà a comprendere quando è il momento giusto per essere aggressivi, quando invece è meglio pazientare, quando conviene continuare ad essere solidi e quando piuttosto si può provare a prender loro le chips.

Qualcuno chiama questa cosa “sentire il tavolo”, ma io credo fermamente che questa abilità discenda necessariamente dalla piena attenzione allo svolgimento del gioco. Sono due aspetti assolutamente inscindibili tra loro.

Quando analizzate i comportamenti degli altri, vi verrà spontaneo iniziare a coglierne anche i vari tells. Comincierete a capire più facilmente quali sono i segnali di forza e quelli di debolezza. Talvolta sarà un particolare movimento delle mani, altre volte saranno gli occhi a parlare. Vi accorgere che qualcuno sta per abbandonare il piatto semplicemente dal modo con cui si guarda intorno.

Se notate un player a cui le sue hole-cards evidentemente non piacciono molto rispetto a come si sono combinate col board, allora sicuramente sarete più propensi ad attaccarlo per portargli via le chips. Ecco, tutto ciò potrete coglierlo soltanto prestando la massima attenzione possibile a quello che sta accadendo intorno a voi. Credetemi, sapere se un avversario può foldare ad un re-raise oppure se chiamerà la maggior parte delle volte, si rivelerà un’informazione preziosissima durante il lungo cammino verso la vittoria finale.

Sembrerà scontato dirlo, ma guardare gli altri mentre agiscono al tavolo vi permetterà di raccogliere tutte le indicazioni necessarie per batterli. Se sono iper-aggressivi o stanno giocando un sacco di mani deboli, voi vi regolerete di conseguenza, ed agirete in maniera sicuramente differente rispetto a come fareste con quelli che al contrario foldano sistematicamente, aspettando di vedere un flop da almeno due ore.

Contro i giocatori molto tight, proverete invece più spesso a farli foldare o a rubare i loro bui. Se qualcun altro sta giocando molto loose, potrete allora adeguare a tale situazione la scelta delle vostre starting-hands.

In conclusione, ricordate sempre che per essere vincenti non sarà sufficiente saper giocare le carte che ricevete basandovi soltanto sul loro valore oggettivo, ma dovrete imparare anche ad utilizzarle a seconda del tipo di avversario che vi troverete di fronte.

Kathy Liebert è una delle giocatrici professioniste più vincenti di tutti i tempi con premi in denaro per oltre 5 milioni e mezzo di dollari. Può vantare, nel suo palmares, 1 braccialetto delle World Series of Poker conquistato nel 1.500$ Hold’em Shootout del 2004, altre 12 vittorie nei tornei internazionali più importanti, 5 tavoli finali al World Poker Tour e 177 piazzamenti “in the money” di cui ben 27 alle WSOP.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento