Vai al contenuto

Bwin Party: si scatena l’asta con GVC William Hill, ma 888 è pronto a chiudere per un miliardo

La società israeliana 888 (con sede legale a Londra) è pronta a mettere nel piatto un fiume di sterline pur di rilevare una delle multinazionali dell’e-gaming più in vista: Bwin Party. Alcune nostre fonti a Gibilterra danno l’accordo per concluso, ma non c’è ancora nessuna conferma ufficiale.

888 Holdings ha annunciato un’ Offerta Pubblica di Acquisto (fonte Reuters) e gli azionisti di maggioranza (che controllano il 59%) hanno assicurato che il loro impegno nell’OPA è irrevocabile. Si parla di un’operazione da oltre 1 miliardo di sterline

E’ notizia di pochi giorni fa di una chiara offensiva da parte di GVC Holdings, la società che controlla WIlliam Hill (e che nel 2013 ha completato l’acquisto di SportingBet e Paradise Poker).

La holding britannica ha confermato l’interesse in un comunicato stampa e la stessa Bwin ha ammesso di “essere in trattative con diverse terze parti in causa”. Strani intrecci del destino, visto che pochi mesi fa, la stessa William Hill aveva provato ad acquistare 888 che aveva giudicato l’offerta troppo bassa.

All’asta per Bwin.Party sembra partecipare anche Amaya Gaming attraverso Rational Group (PokerStars e Full Tilt), interessata soprattutto al brand del World Poker Tour, in vista dell’apertura del mercato statunitense (a proposito, Baazov ha assicurato che PokerStars disporrà nel terzo trimestre 2015 di una licenza in New Jersey). Un’altra società dal Canada guarda con interesse a Bwin.

Nelle ultime ore però 888 sembra aver scavalcato tutti e le azioni di Bwin sono salite alle stelle al London Stock Exchange, con un rialzo di 10 punti percentuali.

Scopri tutti i bonus di benvenuto

888 è stato un brand molto famoso negli Stati Uniti, soprattutto per il casinò online, prima dell’entrata in vigore dell’UIGEA. 888 ha però ripreso ad investire in Nevada e New Jersey e sarebbe interessata al brand WPT, dopo aversi assicurato una partnership esclusiva con WSOP.

888 controlla 888Poker (la seconda room mondiale per action nel cash game) ec anche i marchi Casino-on-Net e Pacific Poker ed ha investito molto nel betting online negli ultimi due anni. Con l’ acquisto di Bwin andrebbe a rafforzare la divisione scommesse, oltre al controllo di brand prestigiosi come PartyPoker, WPT, PartyCasino e FoxBingo.

Nel 2014, Bwin ha maturato utili per 73,5 milioni di sterline (101,2 milioni di euro), scesi del 6% rispetto al 2013. La capitalizzazione in borsa è di 1,13 miliardi di euro (820 milioni di sterline).

Il valore nel mercato azionario di 888 è di circa 600 milioni di sterline (fonte Sunday Times) ma la scalata di Amaya a Rational Group ha fatto scuola e tutto è possibile…

Editor in Chief Assopoker. Giornalista e consulente nel settore dei giochi da più di due decenni, dal 2010 lavora per Assopoker, la sua seconda famiglia. Ama il texas hold'em e il trading sportivo. Ha "sprecato" gli ultimi 20 anni della sua vita nello studio dei sistemi regolatori e fiscali delle scommesse e del gioco online/live in tutto il Mondo.