Gioco legale e responsabile

Business

William Hill: in vendita le agenzie scommesse e l’asset online, 888 pronto all’offerta!

Dopo l'acquisto Caesars vorrebbe liberarsi degli asset non funzionali per il mercato statunitense di William Hill. Pronta l'offerta di 888.

Scritto da
05/05/2021 17:03

795


William Hill è stata acquistata da una delle multinazionali di Las Vegas più note ed influenti: Caesars Entertainment (proprietaria di diversi casinò negli USA, tra i quali l’iconico Caesars Palace) appartenente al gruppo Eldorado di Reno.

caesars-palace

Il Caesars Palace è il simbolo del gruppo che ha appena acquistato William Hill

Caears ha acquistato lo storico bookmaker inglese per gli asset nel mercato statunitense, ritenuti strategici. Hill è entrato con entrambi i piedi negli USA nel 2011 ed ha investito con intelligenza nel gioco terrestre, quando gli altri competitor europei guardavano con diffidenza al mercato a stelle e strisce.

Il book gestisce le scommesse per diversi casinò della Strip ed ha aperto dei negozi in Nevada ed in altri stati (all’interno degli ippodromi).

Caesars ha comprato William Hill per 3,36 miliardi di euro (2,9 miliardi di sterline) ma ha intenzione di dividere la società in  varie divisioni. I manager americani giudicano non funzionali per i propri target, l’asset online europeo ed i 1.400 betting shops presenti in Gran Bretagna. Il Covid19 ed i continui lockdown, oltre alle restrizioni imposte dal governo britannico sul gioco problematico, hanno raffreddato l’interesse degli statunitensi verso UK ed il mercato europeo.

La multinazionale di Las Vegas ha così messo in vendita questi due asset e conta di poterne ricavare almeno 1,5 miliardi di sterline.

Secondo il tabloid britannico The Telegraph, interessanti all’acquisto è la società di private equity Apollo Global Management (da sempre vicino a Caesars come investitore) e Shaked Ventures che è il fondo familiare patrimoniale che ha fondato 888 Holdings Ltd (proprietaria del noto brand 888).

Itai Pazner, CEO di 888 Holdings, non ha smentito l’interesse per William Hill

E’ molto probabile che 888 sia attratto a rilevare l’asset online internazionale di WH.

Un mese fa, in un’intervista al Times , il CEO di 888 Itai Pazner ha affermato che la sua azienda sta prendendo in seria considerazione l’attività di scommesse online di William Hill in Europa, definendola “una risorsa interessante per noi”.

888 Holdings, a sua volta, potrebbe finire nel mirino di Las Vegas Sands (altro colosso di Las Vegas e Macao, orfana del suo patron Sheldon Adelson) che ha esigenza di diversificare nel betting e nell’online, visto che il suo business è concentrato solo sul terrestre (soprattutto a Macao).

A precisa domanda, Pazner ha detto al Times che la sua azienda è focalizzata sulla crescita e che se ci sarà offerta per 888 “ce ne occuperemo”.

Sul futuro dei 1.400 betting shops di William Hill (che nell’ultimo anno ne ha chiusi 119), l’amministratore delegato di 888 non ha voluto sbilanciarsi ma ha riconosciuto il valore di quei negozi per il brand William Hill.

E’ logico che, visto il momento difficile del gioco terrestre, per gli analisti i margini sono tutti online.

Tag: