GIOCARE PUÒ CAUSARE DIPENDENZA PATOLOGICA IL GIOCO È VIETATO AI MINORI DI 18 ANNI

Informati sulle probabilità di vincita e sul regolamento di gioco
sul sito www.aams.gov.it

Curiosità

L’incredibile vita del reg high stakes mexican222: “Sfiorai la vittoria contro Djokovic, poi il backgammon e il poker”

Il top player greco Alexandros "mexican222" Kolonias si è raccontato in un'intervista nella quale ha parlato del suo passato nel tennis e nel backgammon, del suo presente nel poker e del suo futuro per cambiare il mondo

Scritto da
15/03/2018 16:30

2.767


Il mondo del poker sa regalare storie incredibili. Chi ci segue sa che negli anni ne abbiamo raccontate moltissime, spesso riguardanti il percorso di vita personale dei pro. Infatti non sono solo i piatti enormi e i bluff più spavaldi ad affascinare gli appassionati di poker, ma la vita privata di chi ha fatto del poker un lavoro.

Lo abbiamo visto con Jens Kyllonen, professionista finlandese che a poco più di vent’anni girava in Ferrari e prenotava viaggi nello spazio, oppure con Viktor Blom, capace di comprarsi un attico a Stoccolma con il primo milione di dollari vinto.

Ci sono poi storie incredibili che nulla hanno a che vedere con il giochino e le vincite che ne derivano. È questo il caso di Alexandros “mexican222” Kolonias, top winner nella storia del poker in Grecia e noto regular degli High Stakes Online. Prima del poker, però, Kolonias aveva già trovato il modo di vivere esperienze incredibili grazie al tennis e al backgammon.

Alexandros Kolonias: “Quando sfidai Novak Djokovic a tennis”

Sono tanti i giocatori di poker con un passato da tennista. Gus Hansen, ad esempio, è noto per essere un grandissimo appassionato di questo sport (oltre ad essere stato più volte accostato a Caroline Wozniacki), mentre Patrik Antonius è stato addirittura un professionista in gioventù. Come il finlandese, anche Kolonias ebbe molto successo da ragazzino, al punto di riuscire a portare al terzo set un certo Novak Djokovic

“È difficile trovare qualcosa che mi rappresenti al meglio”, ha detto il greco in una recente intervista per il blog di Pokerstars dopo la vittoria di un evento delle Turbo Series. “Nella mia vita ho fatto tante cose, ad esempio quando ero un ragazzino ero un tennista molto quotato. Rappresentavo la mia nazionale ai campionati giovanili e in una competizione europea, a 14 anni, giocai contro Novak Djokovic. Persi solo al terzo set”.

Il backgammon

Giocare contro il futuro numero uno al mondo e l’unico tennista in grado di battere sia Nadal sia Federer in più occasioni sulle loro superfici preferite sarebbe l’apice della vita di molte persone. Non per Kolonias, il quale, dopo aver detto addio al tennis, si è lanciato in un’affascinante avventura nel backgammon.

“Dopo il tennis ho giocato professionalmente a backgammon per qualche anno mentre frequentavo l’Università di Educazione Fisica. Sono anche stato un allenatore di tennis per un po’ di tempo”.

Un giovane Alexandros “mexican222” Kolonias dopo la vittoria di un torneo di Backgammon

Il poker: dal live all’online

Poi, il poker: “Quando giocavo a backgammon professionalmente, vedevo sempre più colleghi mollare tutto per giocare a poker, perché un gioco simile ma con molti più soldi in ballo. Comprai qualche libro di strategia e iniziai subito a giocare il €2-€4 al casinò Loutraki. Il livello era molto soft e fui in grado di costruire un ottimo bankroll“.

Oggi Alexandros Kolonias è noto soprattutto come “mexican222”, il nickname che lo ha consacrato tra i più forti giocatori di cash game high stakes online.

“Dopo un paio di anni di live mi spostai sull’online, partendo dai mid-stakes. Il livello era molto più duro e fu lì che compresi quanto può essere complesso il poker. Lavorai duramente sul mio gioco e studiai intensamente, così raggiunsi gli High Stakes Online“.

 

Su PokerStars.it sono arrivati gli Spin & Go Max: registrati subito! Ti attendono promozioni speciali!

 

Cosa intende per “lavorare duramente” un top reg dei tavoli nosebleed? Kolonias lo spiega indirettamente quando gli viene chiesto se ci siano state mani difficili nel corso del torneo delle Turbo Series vinto: “Ci sono state due decisioni difficili, in entrambi i casi con una coppia di Dieci. Ci ho messo un’ora per analizzarle nei minimi dettagli il giorno dopo la vittoria e sono felice di essere giunto alla conclusione di averle giocate nel miglior modo possibile”.

Alexandros “mexican222” Kolonias

“mexican222”, il pro che vuole cambiare il mondo

Oggi Alexandros “mexican222” Kolonias è un regular da milioni di dollari vinti in carriera. Solo nei tornei live ha incassato $2.109.082. Eppure anche questi risultati non sono un punto di arrivo per lui: nella mente di una persona vincente non esistono limiti. Dopo il tennis, il backgammon e il poker, il player greco vuole cambiare il mondo.

“Credo che siamo a un punto critico nella storia dell’umanità, siamo sull’orlo di un’esplosione tecnologica. Le cose cambieranno in fretta con l’Intelligenza Artificiale, la Blockchain e la genetica. Il mondo cambierà totalmente rispetto a come lo conosciamo, e succederà nei prossimi anni. Ecco perché voglio dedicare sempre più tempo alle mie abilità: voglio essere in grado di creare qualcosa che abbia un impatto positivo sull’umanità“.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento