Vai al contenuto

Bill Perkins: “La prop bet con Bilzerian non è finita, ora raddoppiamo la puntata”

La prop bet tra Bill Perkins e Dan Bilzerian si è conclusa la scorsa settimana con la vittoria del barbuto playboy miliardario, ma la contesa tra i due sembra essere ben lontana dalla conclusione. In un’intervista per Cardplayer.com, Perkins ha infatti dichiarato che quella della corsa in bicicletta da Las Vegas a Los Angeles era solo la prima parte della scommessa. Stando a quanto sostiene, ora toccherebbe a lui mettersi alla prova fisicamente e in questo caso i soldi in palio sarebbero addirittura il doppio rispetto a prima: da 600.000$ a 1.2 milioni di dollari a testa.

perkins-bilzerian
Bill Perkins e Dan Bilzerian fermati prima di uscire dalla Cina

Perkins ha rivelato che tra lui e Bilzerian sono in corso delle contrattazioni per fare una scommessa “double or nothing“: Bill accetterà di fare una prop bet con l’amico solo se Dan raddoppierà la puntata. In caso contrario non si presterà ad alcuna sfida. Secondo Perkins, Bilzerian sta per accettare e i due sono intenti a discutere su quale sia la giusta prova fisica a cui sottoporre Bill. Si è parlato di remare su una canoa dal New England a New York, di camminare da una costa all’altra degli Stati Uniti e addirittura di scalare il Monte Everest. “Voglio davvero perdere il mio naso? Ci resterei male se perdessi il mio naso scalando l’Everest”, ha dichiarato Perkins. “Se Dan vuole scommettere su qualcosa che mi dà anche solo una possibilità su venti di morire, non mi piacerebbe per niente”.

A proposito di rischi e pericoli, Perkins è tornato sulla prop bet ciclistica vinta da Dan: “Tre giorni prima dell’inizio si è recato all’ospedale con un forte dolore al petto e alle braccia. Non ha detto niente a nessuno ma penso che sia stato fortunato a non farsi male seriamente. Ha perso 15 kg durante l’allenamento”.

Scopri tutti i bonus di benvenuto

La preoccupazione di Bilzerian derivava dal fatto che anni fa subì due infarti nel giro di pochi giorni, ben prima di compiere 30 anni. Un mix di alcol, droghe e attività fisica estenuante lo aveva quasi ucciso. Da allora Dan è molto attento alla sua condizione fisica generale e proprio per questo motivo è stato seguito per tutta la durata della sfida in bicicletta da un van con l’immancabile troupe televisiva e un medico. Questo aspetto, però, non è andato giù a Perkins, che inizialmente non considerava la prop bet valida: “Non ero d’accordo con il fatto che avesse un veicolo a “trainarlo” (Dan era in scia al van, ndr), ma alla fine ho smesso di protestare perché non ha fatto la differenza. Senza van ci avrebbe messo 4-6 ore in più”.

Dan ha completato il percorso in 33 ore e anche aggiungendo 4-6 ore non avrebbe superato il limite di 48 ore. L’aver accettato la sconfitta non significa che Perkins sia ora felice e sereno, ma anzi, è proprio il contrario: vuole raddoppiare le puntate e mettersi alla prova per riprendersi il malloppo con gli interessi. I due hanno iniziato a discuterne mentre erano in Cina, dove, tra l’altro, Perkins è stato fermato dalle autorità perché tentava di uscire dal paese con troppi soldi in contanti. Ora sono entrambi a Bali e proprio sull’isola indonesiana potrebbe nascerà una nuova, ancora più folle, prop bet.