Vai al contenuto

Cada nei guai con la polizia per il circolo di famiglia

joe-cadaDopo aver vinto il Main Event WSOP 2009 ed essere diventato il campione del Mondo più giovane, Joe Cada ha investito la montagna di soldi incassati (più di 8,5 milioni di dollari) a Las Vegas in diverse attività imprenditoriali. 

Uno dei suoi investimenti principali è stato quello di aprire il classico bar dello sport a Sterling Heights, vicino al suo paese natale, nel cuore del Michigan.

Si tratta di una sorta di circolo di texas hold’em all’ “americana”: all’interno del locale non poteva mancare un tavolo da poker. Non a caso il bar è stato denominato “Cada’s Poker and Sports Grill“.  L’ex campione del Mondo ha sempre dichiarato che si sarebbero organizzati tornei benefici, senza scopo di lucro, nel suo bar.

L’attività è stata intestata al padre di Joe, il signor Jerry Cada e al socio Patrick Bernhardt, nonostante Joe abbia avuto un ruolo decisivo nell’apertura dell’esercizio.

Bonus poker online
Scopri tutti i bonus di benvenuto

Per il giornale locale Macomb Daily, la polizia ha richiesto due mandati di cattura per i proprietari del bar, in quanto hanno venduto liquori senza le necessarie licenze. Nel Michigan si tratta di un reato grave. Sui mandati si dovrà esprimere il giudice per le indagini preliminari nei prossimi giorni. 

Secondo i funzionari di polizia, le sale da poker che offrono gioco solo per beneficenza, dovrebbero possedere delle licenze per la vendita degli alcolici. Il sospetto è che il locale sia entrato nel mirino degli inquirenti proprio per una potenziale elusione della normativa del gioco d’azzardo nello stato. Non a caso la polizia ha segnalato la vendita non autorizzata di alcolici anche al Gaming Control Board del Michigan. Il campione di PokerStars però non dovrebbe essere coinvolto direttamente nell’inchiesta.

Giornalista e consulente nel settore dei giochi da più di due decenni, dal 2010 lavora per Assopoker, la sua seconda famiglia. Ama il texas hold'em e il trading sportivo. Ha "sprecato" gli ultimi 20 anni della sua vita nello studio dei sistemi regolatori e fiscali delle scommesse e del gioco online/live in tutto il Mondo. Editor in Chief.