Vai al contenuto

Liv Boeree: “toccatemi tutto ma non il mio bankroll”

Liv Boeree sembra avere un’attenzione maniacale per la gestione del bankroll, nonostante sia una giocatrice sponsorizzata. L’astrofisica inglese ha rivelato di stare molto attenta alle spese extra pokeristiche, nonostante nel circuito live abbia guadagnato 2,5 milioni di dollari in vincite lorde. 

liv-boeree 

Fare il grinder nei tornei live è diventata una professione quasi del tutto insostenibile, sotto il profilo finanziario, almeno a giudicare dalle parole dei diretti protagonisti. La pro inglese gioca quasi esclusivamente MTT dal vivo, pur vantando alcuni risultati di rilievo nei principali MTT online.

La bella Liv ha ammesso: “dopo aver vinto a Sanremo, la tappa dell’European Poker Tour, non ho fatto spese folli. Non ho nemmeno comprato una macchina nuova. Giro sempre con la solita da cinque anni a questa parte”.

Eppure, nella tappa italiana dell’EPT, aveva incassato la cifra record di 1,7 milioni di dollari (1,2 milioni di euro). “Non ho mai fatto spese stravaganti, l’unica necessaria è stata l’acquisto di un appartamento per viverci”.

Bonus poker online
Scopri tutti i bonus di benvenuto

Nonostante il buon contratto di sponsorship con PokerStars, Liv preferisce mantenere il basso profilo, d’altronde fare solo tornei live rende la professione quasi del tutto insostenibile. Ma lei è diventata la donna immagine del poker per eccellenza. 

Laureta in astrofisica crede nelle sue capacità: “il bene più prezioso che possiedo? La mia mente…” . Il maestro sembra quello giusto. L’inglese ha una venerazione per Hellmuth: “ammiro molte persone nel poker, ma per me il numero uno rimane Phil.  E’ stato uno dei primi che ho incontrato in questo mondo ed è sempre stato una fonte di ispirazione. Nessuno ha più fiducia in se stesso di Hellmuth (non avevamo dubbi, ndr). Anche Daniel Negreanu stimo molto”. 

Iscriviti alla newsletter

Per ricevere tutte le novità (no spam) di assopoker direttamente nella tua casella di posta

Giornalista e consulente nel settore dei giochi da più di due decenni, dal 2010 lavora per Assopoker, la sua seconda famiglia. Ama il texas hold'em e il trading sportivo. Ha "sprecato" gli ultimi 20 anni della sua vita nello studio dei sistemi regolatori e fiscali delle scommesse e del gioco online/live in tutto il Mondo. Editor in Chief.