GIOCARE PUÒ CAUSARE DIPENDENZA PATOLOGICA IL GIOCO È VIETATO AI MINORI DI 18 ANNI

Informati sulle probabilità di vincita e sul regolamento di gioco
sul sito www.aams.gov.it

Curiosità

Quando il misclick live fa male: così evaporano gli assi in pre-bolla IPO

Scritto da
12/05/2018 15:08

1.965


Durante il day 2 dell’ultimo IPO di Campione d’Italia, chi vi scrive è uscito a pochi passi dalla bolla: un JJ vs AA che non mi ha lasciato scampo. Non mi sono certo lamentato perché in generale mi sono divertito, ma anche per via una mano che era capitata qualche giro prima, sempre al mio tavolo. Una di quelle mani che ti fanno pensare: “oddio, e se fosse capitato a me come avrei reagito?”

Misclick live: quando la distrazione paga

Siamo al livello 8.000/16.000 ante 2.000. Al tavolo è arrivato da poco un loquace avvocato di origine pugliese, discretamente carico in chips (ne ha più di 500mila). Su hi-jack c’è l’apertura a 38.000 di un ragazzo straniero, che in totale ha qualcosa in meno di 400mila. Folda cutoff, foldo io da bottone e la parola passa all’avvocato sullo small blind. Costui però non si è accorto del raise, così decide di completare per giocarsi il colpo con il big blind.

“Posso foldare?” cit.

Viene chiamato il floorman, l’avvocato chiede se è costretto a chiamare il raise o può riprendersi le sue chips e foldare. Gli viene risposto che può evitare di chiamare l’intero raise, ma che perderebbe comunque le 16.000 già messe per errore (8.000 delle quali erano l’ammontare dello small blind). A questo punto l’avvocato decide – giustamente – che è il caso di comprarsi il flop e, dopo fold del big blind, il dealer serve le prime tre carte: 9 8 3 .

Registrati a PokerStars.it e gioca subito a SuitRace!

L’avvocato checka, per poi rilanciare a 100mila sulla continuation bet dell’avversario. Il ragazzo straniero manda i resti senza pensarci troppo e viene chiamato, ma allo showdown si ritrova “in una valle di lacrime”

  • Avvocato distratto 9 8
  • Ragazzo straniero a a

Turn e river non cambiano nulla, e il poverino si vede eliminato a una quindicina di posti dalla bolla. Un colpo che si sarebbe potuto concludere con un piccolo piatto vinto preflop, si rivela la mano dell’eliminazione. Ancora una volta si conferma veritiero quel vecchio adagio del poker, che ammonisce “Con gli assi, in genere si vincono piatti piccoli e se ne perdono di grossi”.

O forse no. Forse l’avvocato avrebbe chiamato ugualmente con 98 suited, perché in fin dei conti si tratta di una buona mano speculativa anche se l’avversario ha meno di trenta bui. Forse il giocatore con gli assi sarebbe riuscito a salvarsi in qualche modo. O forse, più semplicemente, non era il suo torneo.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento