Vai al contenuto

Viktor “Isildur1” Blom lascia PokerStars?

viktor-blomNelle ultime ore si sono diffuse voci incontrollate su un possibile e clamoroso divorzio tra Viktor “Isildur1” Blom e PokerStars.com. Il motivo? Lo svedese sarebbe furioso con lo sponsor, reo di aver accolto come nuovi clienti i rivali di sempre: Brian “stinger88”Hastings e Brian Townsend, protagonisti dell’”imboscata” del secolo ai danni del player di Ranas ai tempi di Full Tilt Poker, nel dicembre del 2009. 

 Uno scherzo che è costato a Isildur1 qualche milione di dollari ed è stato il motivo che lo aveva spinto un anno fa ad accettare le proposte di PokerStars e rifiutare le avances della red room.

Il diretto protagonista aveva ammesso tutta la sua irritazione con i membri di CardRunners (Hastings e soci), in una recente intervista.

Ad alimentare le voci è il fatto che Blom non gioca più online su PokerStars dal 9 di settembre: un fatto inusuale per un regular puntuale come lui, protagonista di lunghe ed infinite sessioni quotidiane. L’ipotesi è stata avanzata sul forum di HighStakesDB e da alcuni amici del giocatore nordico nella sua bacheca  su Facebook.

Blom avrebbe ritirato – secondo le ultime indiscrezioni – tutto il suo bankroll su PokerStars. Dovrebbe utilizzare parte dei fondi per giocare le WSOPE, mantenendo la patch dello sponsor ben visibile sulla sua maglietta per onorare il contratto fino alla scadenza, prevista per il 17 dicembre 2011. Da quella data poi ognuno andrà per la sua strada.

Bonus poker online
Scopri tutti i bonus di benvenuto

Al momento Isildur1 si è barricato in un rigoroso silenzio ed è molto probabile che a Cannes i responsabili di PokerStars chiariscano con lui la posizione della room e tutto torni alla normalità.

Commenta gli ultimi rumors sul nostro forum! Sono attendibili le voci del divorzio? Verrà rinnovato il contratto?

COMPARAZIONE GIOCHI
Editor in Chief Assopoker. Giornalista e consulente nel settore dei giochi da più di due decenni, dal 2010 lavora per Assopoker, la sua seconda famiglia. Ama il texas hold'em e il trading sportivo. Ha "sprecato" gli ultimi 20 anni della sua vita nello studio dei sistemi regolatori e fiscali delle scommesse e del gioco online/live in tutto il Mondo.